Caso Cospalat FVG: Zampa sottoposto all'obbligo di firma

L'ex presidente del consorzio caseario gode dell'affievolimento delle misure restrittive, passando dai domiciliari al nuovo obbligo

Renato Zampa, l’ex presidente del consorzio Cospalat del Friuli Venezia Giulia, coinvolto nello scandalo del latte tossico, ha ottenuto il beneficio dell’obbligo di firma, per tre volte a settimana, dal Gip del tribunale di Udine Francesco Florit.

Zampa era stato arrestato il 21 giugno e dopo 13 giorni di carcere aveva ottenuto i domiciliari. Si era dimesso dall’incarico di presidente del consiglio di amministrazione del consorzio proprio in seguito all’inchiesta.

Il Pm Marco Panzeri aveva dato parere favorevole all’affievolimento della misura richiesto dal difensore di Zampa dopo l’ultimo interrogatorio reso lunedì scorso in Procura della Repubblica a Udine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • AAA Gestore di rifugio montano cercasi

  • A Udine Rc auto più basse del 7%: il record va a una donna che guida una Yaris

  • Morto tra le fiamme di casa sua, si indaga per omicidio

Torna su
UdineToday è in caricamento