Caso Cospalat FVG: Zampa sottoposto all'obbligo di firma

L'ex presidente del consorzio caseario gode dell'affievolimento delle misure restrittive, passando dai domiciliari al nuovo obbligo

Renato Zampa, l’ex presidente del consorzio Cospalat del Friuli Venezia Giulia, coinvolto nello scandalo del latte tossico, ha ottenuto il beneficio dell’obbligo di firma, per tre volte a settimana, dal Gip del tribunale di Udine Francesco Florit.

Zampa era stato arrestato il 21 giugno e dopo 13 giorni di carcere aveva ottenuto i domiciliari. Si era dimesso dall’incarico di presidente del consiglio di amministrazione del consorzio proprio in seguito all’inchiesta.

Il Pm Marco Panzeri aveva dato parere favorevole all’affievolimento della misura richiesto dal difensore di Zampa dopo l’ultimo interrogatorio reso lunedì scorso in Procura della Repubblica a Udine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento