Screening, alimentazione e movimento, ecco le tre parole d'ordine per la prevenzione del cancro al seno

A dirlo gli esperti del convegno organizzato stamani a Villa Manin in occasione del mese dedicato alla prevenzione delle neoplasie al seno. Presente anche il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi

Il convegno

"L'obiettivo della prevenzione e di una capillarità ancora maggiore degli screening, ma, altrettanto decisivo, il percorso che viene dopo la malattia e che non può diventare una sopravvivenza, ma deve essere un ritorno alla vita normale"

Lo ha detto oggi a Villa Manin di Passariano (Codroipo) il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, in apertura del convegno "Donne, ecco i nostri alleati: screening, alimentazione e movimento", organizzato dai Comitati dell'Associazione nazionale donne operate al seno (Andos) in occasione del mese mondiale della prevenzione di questo tipo di neoplasia.

Riccardi, ringraziando l'Andos per l'attività messa in campo a sostegno di chi deve affrontare e ha affrontato la malattia, ha sottolineato come quello della prevenzione sia un ambito strategico vincente nel quale la Regione, attraverso il programma di screening mammografico, è all'avanguardia in campo nazionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'importanza della prevenzione

Nello scorso anno in Fvg hanno scelto di sottoporsi all'esame il 70% delle donne chiamate a fare il test, mentre sul fronte della diagnostica, il programma regionale dal 2006 al 2017 ha portato a confermare dai 350 ai 500 casi all'anno di cancro al seno. 

"La sfida - ha rimarcato Riccardi - è quella relativa alla qualità della gestione della fase seguente alla cura della malattia, quando la persona ha il diritto a tornare ad un'esistenza il più possibile vicina alla normalità. E proprio questo percorso - ha concluso - ha a che fare con il processo di riforma in atto, perché in tale fase diventa decisivo il sistema di assistenza territoriale e non più l'ospedale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizza senza lievito, tavolini vista roggia e piatti a base di pesce: nuovo locale a Udine

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Coronavirus: salgono i contagi e i ricoverati in terapia intensiva in Fvg

  • Maltempo a Udine e dintorni: vento, grandine e alberi caduti

  • Alice, Viola e Jenny: le tre bellissime friulane in finale a Miss Mondo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento