menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingegner Morocutti

L'ingegner Morocutti

Responsabilità degli ingegneri: cautela negli incarichi e nei contratti

La considerazione è emersa da un affollato convegno promosso dalla commissione industria dell'Ordine, presieduta dall'ingegner Marco Morocutti. Sono intervenuti Oliviero Drigani, Pier Mario Filipuzzi e Giuliano Lucigrai

Responsabilità progettuale, civile, pure penale. Anche l’ingegnere che lavora nel settore dell’industria deve fare i conti con i “rischi” del mestiere. Da qui l’invito della commissione di settore dell’Ordine degli Ingegneri di Udine rivolto a tutta la categoria «alla massima cautela nell’accettazione di incarichi e sulla loro gestione, alla stesura di contratti con precisa delimitazione delle responsabilità, alla conoscenza dei meccanismi operativi del cliente e dell’ambiente in cui si opera».

Questioni emerse in un convegno promosso dalla commissione presieduta dall’ingegner Marco Morocutti, “Responsabilità civile e penale dell’ingegnere industriale e professionista”, seguito da un centinaio di persone nella sede di Confindustria Udine. Gli interventi, del magistrato Oliviero Drigani, dell’avvocato Giuliano Lucigrai e del collega Pier Mario Filipuzzi, oltre a fare un preciso punto della situazione sulle questioni di legge, hanno evidenziato l’opportunità per l’ingegnere di resistere alle pressioni per scorciatoie di vario genere, sia del committente che dell’impresa, di documentare sempre i processi decisionali a futura memoria, di evitare assenze prolungate dai cantieri, di investire nelle necessarie consulenze e di affidarsi a una assicurazione seria finanziariamente e completa nella copertura dei rischi.

Se la qualità è un requisito irrinunciabile, osserva Morocutti «essa comporta anche maggiore responsabilità, maggiori aspettative dell’utenza e anche più litigiosità. Per poter affrontare queste nuove condizioni operative nel modo più efficace – prosegue il presidente della commissione industria dell’Ordine degli ingegneri di Udine –, anche perché richiesto dalla normativa vigente, occorre conoscere il rischio e la sua gestione e utilizzare opportuni strumenti a salvaguardia dell’operato del professionista».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento