menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Rubano gasolio e eludono i pedaggi per 22 volte: denunciati due autotrasportatori

La Polizia Stradale ha fermato al casello di San Giorgio un autoarticolato a bordo del quale c'erano due uomini che nascondevano un'elettropompa e alcune taniche di gasolio

Continuano i furti di gasolio dai mezzi pesanti in sosta: nel mirino degli agenti della Polizia Stradale sono finiti, ancora una volta, i ladri di carburanti.

I fatti

Ieri 8 maggio una pattuglia della Sottosezione di Palmanova in servizio di vigilanza sulla autostrada A4 Torino-Trieste, all’altezza del casello di San Giorgio di Nogaro, alle 05.40, ha controllato di un autoarticolato di nazionalità rumena con a bordo due persone già oggetto di precedenti indagini della Polizia Giudiziaria della Stradale di Udine. L’attività svolta precedentemente ha permesso di stabilire con certezza che i due occupanti identificati a bordo del veicolo si trovassero sullo stesso mezzo nella giornata del 28 febbraio scorso, potendo così ragionevolmente attribuirgli l’episodio di un furto di gasolio commesso in quella data presso l’area di servizio di Gonars Nord.

La perquisizione

Durante la perquisizione del mezzo, ben occultata, è stata trovata un'elettropompa munita di tubi di gomma di varie misure, idonea al travaso del carburante. Insieme all'elettropompa sono state trovate anche diverse taniche in materiale plastico utilizzate per contenere il gasolio. I due rumeni identificati a bordo, 27enni, sono stati entrambi denunciati alla Procura della Repubblica di Udine per l’ipotesi di reato di furto aggravato in concorso.

Elusi i pedaggi

Ulteriori controlli hanno permesso anche di appurare che il conducente aveva un debito di oltre 3000 euro con la società autostradale Autovie Venete per aver eluso il pagamento dei pedaggi simulando lo smarrimento del biglietto per ben 22 transiti, motivo per il quale è stato sanzionato per un importo vicino ai 1.300 euro ai sensi del Codice della Strada, già oblati direttamente nelle mani degli agenti per evitare conseguenze sul mezzo pesante.

Violazione restrizioni 

Inoltre i due occupanti sono stati sanzionati in violazione al Decreto Legge 19/2020 sulle vigenti disposizioni di misure di contenimento e prevenzione al Covid-19, per non aver informato preventivamente il Dipartimento di Sanità del loro ingresso sul territorio nazionale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento