menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Badanti, sono oltre 900 i contratti stipulati in Provincia di Udine

La maggior parte delle collaboratrici domestiche sono romene e ucraine, l'età media è 50 anni; il contratto maggiormente gettonato è quello a tempo indeterminato e pieno. Dal 1 gennaio sono stati aggiornati i minimi retributivi

Ammontano ad oltre 900 i contratti di lavoro stipulati dai dieci Sportelli Assistenti Familiari dei Centri per l’Impiego della Provincia di Udine che garantiscono un servizio sia alle famiglie sia alle colf in cerca di occupazione. Le assistenti familiari iscritte agli sportelli sono oltre 10 mila: analizzando la loro nazionalità emerge che le prevalenti sono la rumena e l’ucraina (con incremento della nazionalità italiana), mentre l’età media si attesta sui 50 anni.

Nel corso del 2012 si sono iscritte agli Sportelli circa 2 mila 500 nuove lavoratrici con un incremento di circa 700 unità. E’ cresciuto anche il numero delle famiglie che ricercano un assistente: tra il 2011 e il 2012 è lievitato di 200 unità, arrivando a toccare la quota di circa 900 schede di richiesta di colf. Per quanto riguarda la tipologia contrattuale, quella prevalentemente sottoscritta rientra nel livello “C super” (a carico della famiglia quasi 1.400 euro al mese, comprensivo di tutti gli oneri):  ovvero tempo indeterminato, pieno e convivente con la famiglia/con le persone non autosufficienti. Appartengono a questo livello più frequente di inquadramento, C Super, i collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche sia tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità nel supporto a persone non autosufficienti.

Relativamente al grado di soddisfazione delle famiglie che usufruiscono di questo strumento, il feedback è positivo, anche grazie all’operatività che caratterizza gli Sportelli: oltre alla contrattualizzazione e alla ricerca/selezione, forniscono informazioni aggiornate sugli aspetti contrattuali e previdenziali, referenze per molte candidate, assistenza negli aspetti relazionali durante lo svolgimento del rapporto di lavoro e si occupano anche della gestione delle eventuali sostituzioni temporanee nel caso in cui l’assistente familiare sia in ferie o in malattia, oltre che dell’accesso ai sussidi di tipo economico-operativo e i criteri di fruibilità (le modalità per ricevere contributi e/o incentivi). Questa tipologia di sportelli rientra nel sistema integrato di interventi volti a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, oltre che ad agevolare l’emersione del lavoro sommerso.  Sul sito della Provincia di Udine è disponibile la sezione dedicata al Servizio Sportello Assistenti Familiari con le principali informazioni sul servizio offerto all’utenza. In alternativa, per ricevere informazioni, è possibile rivolgersi ai Centri per l’impiego di Palazzo Belgrado. Dal 1 gennaio di quest’anno sono entrati in vigore i nuovi minimi retributivi per colf e assistenti familiari stabiliti dalla Commissione Nazionale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento