menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Agenzia delle Entrate batte cassa col Comune e chiede quasi 60mila euro

L'Amministrazione decide di aprire tre contenziosi con l'ente. «Considerano i contributi alle associazioni come corrispettivi» hanno spiegato il sindaco Fontanini e l'assessore Olivotto

L’Agenzia delle entrate chiede quasi 60mila euro di sanzioni al Comune di Udine, pari alle imposte che — secondo l’ente — sarebbero state evase su quelli che vengono considerati dei corrispettivi, ma per palazzo D’Aronco sono semplici contributi. «Siamo meravigliati da questa presa di posizione, i contributi sono sempre stati erogati senza problemi. Abbiamo ritenuto fosse doveroso proporre ricorso alla Commissione tributaria provinciale» ha dichiarato l’assessore ai contenziosi Silvana Olivotto. 

L'assessore Silvana Olivotto

silvana.olivotto

I casi

Nello specifico sono stati contestati tre diversi contributi. Il primo è di 90mila euro, destinato alla Polisportiva Isis Malignani. La sanzione del caso è pari a 19.700 euro. Il secondo vede come beneficiaria la Società bocciofila di Cussignacco con una somma di 31.960 euro (sanzione di 6.871 euro). Il terzo — riferito al 2013 — è di 151mila euro (sanzione di 32.020 euro), destinati alla Civica accademia d'arte drammatica "Nico Pepe". «Le associazioni sono già penalizzate da una burocrazia consistente — ha commentato il sindaco Pietro Fontanini — e un tipo di atteggiamento del genere non serviva. Chiariremo la situazione anche perché — avendo sempre agito il Comune con questo metodo che riteniamo legittimo — potenzialmente ci potrebbe essere una serie infinita di contestazioni».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento