Quasi 5 milioni per la banda ultralarga e centinaia di Pc alle scuole del Fvg

La Regione Fvg insieme ad Insiel sta consegnando 141 pc agli istituti superiori regionali

La Regione Fvg, insieme a Insiel, va incontro alle scuole con la messa a disposizione di pc per lo studio. Sono infatti 141 i pc - postazioni complete di mouse, tastiera, video e dotate di sistema operativo Windows - messi a disposizione da Insiel e consegnati nei giorni scorsi a una ventina di istituti superiori del territorio regionale e direttamente ad alcuni studenti e studentesse, su iniziativa della Regione Friuli Venezia Giulia e in particolare degli assessori all'Istruzione Alessia Rosolen e ai Sistemi informativi Sebastiano Callari.

La consegna

«In tempi di didattica a distanza - ha rilevato Rosolen - era doveroso e necessario mettere a disposizione degli studenti e delle studentesse gli strumenti indispensabili per il regolare svolgimento delle lezioni e per garantire loro il diritto allo studio. Un ringraziamento va a Insiel: la positiva collaborazione con il partner tecnologico della Regione ha consentito, in tempi brevi, la consegna dei pc». Dei 141 pc donati alle scuole, 118 sono stati consegnati direttamente ai vari Istituti superiori di Trieste, Udine, Gorizia, Pordenone, Cervignano del Friuli, Cividale, Codroipo, Maniago, San Vito al Tagliamento e Spilimbergo, 23 quelli consegnati a singoli studenti e studentesse.

Didattica online

«La tecnologia assume un valore ancora più fondamentale nel mantenimento dei contatti, nel supporto allo studio, nella semplificazione delle mansioni quotidiane», ha commentato Diego Antonini, presidente e amministratore delegato della Società Ict in house della Regione Friuli Venezia Giulia. «Insiel non è nuova a questo tipo di iniziative, ma in un periodo emergenziale come quello caratterizzato da Covid 19, l'avere reso possibile la consegna dei pc in comodato gratuito, ha un significato ancora più grande».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Investimento

Sempre allo scopo di sostenere la didattica online, con una specifica delibera, la Regione ha approvato un investimento di 4 milioni e 700mila euro per assicurare la Banda ultra larga al 100% delle scuole superiori, al 58% delle medie, al 48% delle elementari e al 47% delle scuole dell'infanzia del Friuli Venezia Giulia. Inoltre, ha aggiunto l'assessore Callari, «nel mio ruolo di componente del Cobul, ho insistito perché le risorse destinate dal Governo per supportare le connessioni sulle scuole, circa 7 milioni di euro del piano Bul, vengano gestite direttamente dalla Regione che attraverso Insiel provvederà ad accelerare e completare la digitalizzazione di tutte le nostre scuole. Grazie a queste risorse, che si vanno ad aggiungere ai fondi regionali - ha concluso Callari -, saremo in grado di coprire tutte le scuole di ogni ordine e grado e non solo le superiori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento