Mereto: consegna della costituzione ai neo diciottenni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Martedì 2 dicembre, alle 20.30, presso la sala consiliare del Municipio di Mereto di Tomba, il sindaco Massimo Moretuzzo, la Giunta e il Consiglio Comunale consegneranno una copia della costituzione ai neo maggiorenni.

La giustizia, l'eguaglianza di opportunità, la solidarietà, la laicità e l'imparzialità delle istituzioni, il pieno rispetto dei diritti umani, costituiscono il nucleo di diritti fondamentali e di doveri inderogabili che permettono e garantiscono regole giuste di convivenza nello Stato Italiano ed anche nelle relazioni fra i popoli; con questi principi la consegna della Costituzione sarà effettuata dopo la prefazione ufficiale che quest'anno è affidata a don Pierluigi Di Piazza, fondatore del centro Centro di Accoglienza Balducci di Zugliano e la testimonianza dell'importanza sociale del volontariato attraverso le parole di Andrea Bertoli, Presidente dell'AFDS di Plasencis.

Nella lettera spedita a ciascun diciottenne il Sindaco sostiene che "i contenuti che stanno alla base della Costituzione, ovvero della Legge fondamentale dello Stato Italiano, sono ancora oggi uno straordinario insieme di principi e di riferimenti dai quali non possiamo prescindere per guardare con speranza al futuro. In questo senso Voi giovani siete coloro che più di altri potete e dovete dare nuovi significati a concetti che rischiano di rimanere ancora oggi solo sulla carta".

Rafforzare il ruolo dei cittadini e degli enti locali nel buon governo è anche alla base del progetto dell'amministrazione comunale di Mereto di Tomba e perciò la serata avrà un secondo momento di grande importanza con l'avvio della Consulta Giovanile. "Pensiamo che la Vostra generazione, soprattutto in una situazione di grande trasformazione economica e sociale qual è quella attuale, con tutte le difficoltà che questa comporta, possa essere fonte di cambiamento positivo, di energie e proposte nuove che ci piacerebbe potessero coinvolgere anche la nostra l'amministrazione", sostiene Giulia Furlan, consigliere delegata alle politiche giovanili.

Torna su
UdineToday è in caricamento