menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Udine e Trieste unite sotto Confartigianato Servizi Fvg

Fino a fine 2018 la nuova società sarà in fase di rodaggio, da gennaio 2019 andrà a regime con la fatturazione dei servizi contando 200 dipendenti e 4 mila imprese

Confartigianato Udine e Confartigianato Trieste si uniscono in un'unica società: Confartigianato Servizi Friuli Venezia Giulia. La nuova società andrà a regime dal primo gennaio 2019 con la fatturazione dei servizi. Il 2018 rappresenta la fase di rodaggio, durante la quale si metteranno in linea le due strutture, ma i membri del consiglio di amministrazione sono stati già assegnati: il presidente Graziano Tilatti, il vicepresidente Dario Bruni, Daniel Calò, Sandro Caporale, Francesca Comello, Daniele Cuciz, Enrico Eva, Edgarda Fiorini, Giusto Maurig, Maura Romanelli, Paolo Rovis e Paolo Sassetti. I dodici amministratori sono equamente divisi tra Udine e Trieste.

Creazione della società

«L'unione di due strutture con alle loro spalle una storia che conta 70 anni di erogazione di servizi è stata una sfida" come ricorda Enrico Eva. "La nuova società, con 4 mila imprese nel proprio portafoglio, sarà la più grande società di servizi in Friuli». Questa nuova realtà vuole rispondere efficacemente alle esigenze del territorio, come l'introduzione dal 2019 delle fatture elettroniche. Inoltre, grazie all'unione i costi di gestione saranno minori.

Tilatti

Anche per Graziano Tilatti quello della creazione della società «non è stato un percorso semplice, perchè le due città hanno storie e tradizioni diverse. Questo rappresenta quindi un grande passo sotto il profilo culturale.» Per quanto riguarda Pordenone e Gorizia ci si aspetta un aggregazione nel medio-lungo periodo, «contiamo di avere al nostro fianco i colleghi di Pordenone e Gorizia entro poco tempo». Inoltre, come ricorda il presidente, «il contesto economico sta cambiando, e le imprese hanno bisogno di servizi aggiornati ed efficaci. Questa è una grande data per Confartigianato, per Trieste e per Udine, ma anche per il Friuli. La Confartigianato è un'attenta osservatrice delle regione, e se la regione riesce a stare insieme, può riavere un ruolo anche internazionale.» La società ha la basi per allargarsi alle quattro province, e la divisione culturale tra Trieste e Udine può essere superata attraverso lavoro e impegno.

Salto di qualità

Il vicepresidente Bruni è orgoglioso di questo progetto, anche se «non semplice, in quanto l'abbattimento del muro ideologico è stata una sfida. Le imprese operano in un territorio ristretto. La Confartigianato pone l'attenzione sulla qualità dei servizi e la convenienza economica, aiutando le imprese a essere competitive.» L'iniziativa è un passo verso un nuovo salto di qualità ai servizi erogati dalle associazioni. «Uniamo le forze per realizzare tutte le forme di sinergia possibile, convinti - afferma il presidente della società Graziano Tilatti - che in questo modo potremo garantire alle imprese servizi migliori. Grazie alle economie di scala e alle nuove competenze che il mercato richiede.» La società conterà 200 dipendenti e produrrà un volume d'affari di oltre 11 milioni di euro, frutto dei servizi erogati a favore delle 4 mila imprese in portafoglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento