Cronaca

Zero fatturato: i fotografi chiedono un incontro urgente con Fedriga

Nonostante siano stati autorizzati a continuare l'attività, i fotografi artigiani non hanno incassato nulla in questa emergenza. "C’è il reale pericolo che si possa fatturare solo dal 2021"

I fotografi artigiani di Confartigianato Fvg e Cna, nonostante siano autorizzati a continuare la propria attività, hanno registrato un fatturato pari a zero durante l'emergenza. Per questo, hanno richiesto un incontro urgente con il presidente Massimiliano Fedriga al fine di presentare le specificità del proprio stato e chiedere interventi di sostegno economico mirati, oltre a protocolli d'attività chiari.

La situazione

La categoria si ritrova a dover fare i conti con una situazione pesante che li sta penalizzando due volte: per i mancati introiti a seguito della modifica delle abitudini e per i mancati sostentamenti economici mirati alle esigenze della categoria. "I fotografi, sebbene autorizzati a continuare l’attività, hanno visto un crollo del lavoro in quanto lo stesso è strettamente legato al contatto fisico con persone: si pensi all’annullamento delle cerimonie religiose - matrimoni, battesimi, comunioni - , degli eventi di spettacolo e fieristici, ai servizi in sala posa o all’esterno la cui richiesta è stata annullata dall’impossibilità delle persone di raggiungere gli studi fotografici e anche per il rispetto della distanza sociale e degli assembramenti non si potranno fare i servizi fotografici di famiglia con nonni e nipoti", spiega il presidente della categoria fotografi di Confartigianato Fvg, Massimo Semeraro, che ha firmato la richiesta di incontro con Fedriga insieme al presidente dei fotografi Cna Fvg, Mauro Caffieri.

Costi

Anche se il fatturato è pari a zero, molti studi fotografici, però, devono continuare a sostenere i costi fissi perché "non sono stati ricompresi nelle misure di sostegno previste per le attività sospese". Azzerati anche i fatturati dei negozi fotografici, per la mancata vendita di cornici, album, gadgets anche a causa dell’annullamento degli eventi scolastici per la chiusura delle scuole. Il rinvio degli appuntamenti sociali rischia di rimandare ogni possibilità di fatturato addirittura la 2021.

Le richieste

Vista la situazione preoccupante, i rappresentanti dei fotografi artigiani della regione presenteranno al presidente Fedriga due proposte: misure eccezionali a sostegno del reddito; indicazioni precise circa lo svolgimento delle attività di fotografie. Nel dettaglio, per ciò che ritiene il sostegno al reddito si chiede: finanziamenti a fondo perduto per la ripartenza, accesso al credito non legato al fatturato, sospensione degli adempimenti fiscali, credito di imposta/contributi a fondo perduto sugli affitti estesi alle categorie catastali. Riguardo ai protocolli per lo svolgimento delle attività,invece, si chiede chiarezza riguardo: alla possibilità di recarsi al domicilio del cliente, ai servizi fotografici all’aperto o presso ditte committenti, alla possibilità di accogliere i clienti (anche congiunti/famiglie con nonni) presso le sale posa, nel rispetto delle misure anti-contagio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zero fatturato: i fotografi chiedono un incontro urgente con Fedriga

UdineToday è in caricamento