menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina la casa di un amico: condannato a tre anni di reclusione

Un cittadino marocchino di 20 anni, residente a Portogruaro, ha agito assieme a un gruppo di malviventi, prendendo di mira una casa in cui era stato ospite per diverso tempo

Un cittadino marocchino di 20 anni, Rachid Nadir, residente a Portogruaro (Venezia), è stato condannato ieri a Udine con rito abbreviato a tre anni di reclusione e 1.000 euro di multa, con l'interdizione per cinque anni di pubblici uffici, per una rapina in abitazione commessa il 18 giugno 2011.

Quella notte, intorno alle 2.00, quattro-cinque malviventi, il volto coperto da un passamontagna, erano entrati in un appartamento usando una copia delle chiavi d'ingresso. Avevano immobilizzato madre e figlio che dormivano nei propri letti e avevano intimato loro di rivelare il nascondiglio del denaro.

Dopo un quarto d'ora se n'erano andati portando con sé i cellulari delle vittime e circa 60 euro in contanti. Era stata la donna a riconoscere la voce di Nadir, un amico del figlio che aveva ospitato l'estate prima per qualche settimana, prima di allontanarlo dopo la sparizione di alcuni monili. Un altro giovane, Adrian Caliniuc, 23, rumeno, é stato rinviato a giudizio per la ricettazione di uno dei cellulari.

(ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento