rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Moimacco

Piante avvelenate, uccelli e topi morti sul davanzale e peni finti: condannato ex poliziotto

Rita Fanna, residente a Moimacco, da anni subiva diversi tipi di molestie: il vicino di casa ex poliziotto accusato di averle distrutto il giardino gettando diserbante sulle piante dopo essere stato rifiutato da lei

I fatti strani erano cominciati a verificarsi cinque anni fa: Rita Fanna, di Moimacco, aveva cominciato a notare particolari accadimenti riconducibili al suo vicino di casa, ex poliziotto in pensione ed ex presidente regionale della Fidas. Un piccolo incubo che pare aver trovato una fine, con la condanna a carico dell'uomo, che dovrà risarcire la Fanna e i suoi famigliari per le molestie protrattesi per diversi anni, distruggendole il giardino con il veleno e facendole trovare diversi oggetti e animali morti all'interno della sua proprietà. Il caso era finito anche in televisione, nella celebre trasmissione "Chi l'ha visto".

Il processo

L'ex poliziotto, 59enne di Moimacco, è stato condannato a 1 anno 4 mesi di reclusione e al risarcimento dei danni (per un totale di 120mila euro) nei confronti delle parti offese, ovvero la Fanna e famigliari. La sentenza è stata emessa al termine del processo per danneggiamento e getto pericoloso di cose, celebrato con rito abbreviato.

La storia

Rita Fanna, residente a Moimacco, l'anno scorso ha trovato il coraggio di denunciare quanto le stava accadendo: da quattro anni subiva diversi tipi di molestie, con il vicino di casa che le ha distrutto il giardino gettando diserbante sulle piante dopo essere stato rifiutato da lei. Dopo aver notato una strana moria di piante e aver chiesto aiuto ai carabinieri, la Fanna ha così scoperto che era il vicino di casa a gettare diserbante dalle sue finestre (dopo controlli pagati dalla stessa Fanna sono emerse quantità di glifosfato 10mila volte superiori al consentito), facendole morire. 
Il movente sarebbe stato un rifiuto a delle avance, al quale sono seguite diversi tipi di molestie: l'ex poliziotto le ha lasciato un pene realizzato con il pane, tre uccelli e una pantegana morti sulla finestra, diversi messaggi che sono stati depositati in Procura e le ha rigato la macchina. A seguito degli episodi sono scattate le denunce che hanno portato alla decisione del giudice. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piante avvelenate, uccelli e topi morti sul davanzale e peni finti: condannato ex poliziotto

UdineToday è in caricamento