Tutti vogliono andare ai concerti: 20mila accessi mandano in tilt il sito di Villa Manin

Il crush del sistema di prenotazione dei concerti live nel parco di Villa Manin è durato un'ora e si è creato questa mattina quando è stato dato il via alle prenotazioni per i prossimi eventi

Quanta voglia di estate, socialità, eventi, convivialità e musica. Tanta, al punto da intasare il sito di Villa Manin, il primo ente a proporre in regione concerti all'aperto per 1000 persone, in questa strana estate del 2020. Si cominica oggi, con Raphael Gualazzi, il cui evento è andato sold out in poche ore. E questa mattina si sono aperte le prenotazioni per i concerti della prossima settimana e oltre: Niccolò Fabi, 40 Fingers, Margherita Vicario, Vasco Brondi, Playa Desnuda e Davide "Boosta" Dileo, oltre che gli spettacoli di teatro. 

Il programma di Villa Manin Estate

E per chi non ha ferie o le spenderà in regione, questi eventi sono troppo ghiotti per lasciarseli scappare: al momento dell'apertura del sito, questa mattina, sono stati ben 20mila gli accessi per accaparrarsi un posto al parco. Tanti, così tanti da mandare temporaneamente in tilt il sistema. Un problema momentaneo, per una situazione mai vissuta prima, che evidentemente deve incontrare la pazienza di tutti. 

E se non fosse per lo stress di chi gestisce la cosa e la paura di chi non vuole perdersi i concerti, questa ci pare una buona notizia. Sopo mesi di fermo e settimane di mobilitazione degli operatori del comparto degli spettacolo dal vivo, un interesse così massiccio del pubblico è la risposta migliore. La voglia di musica ed eventi è tantissima e la qualità del lavoro degli operatori regionali, pubblici e privati, è sotto gli occhi di tutti. Villa Manin si sta prendendo la responsabilità di fare da apripista per quella che sarà la nuova stagione di eventi in era covid: dopo questa rassegna ne verranno altre e finalmente il Friuli Venezia Giulia potrà tornare ad essere una regione di concerti. Quello che succederà da oggi in poi sarà possibile replicarlo e migliorarlo, ma finalmente si comincia e bisogna solo applaudire chi si è sforzato e si sta sforzando di destreggiarsi tra regole e limiti in un momento totalmente nuovo, dando la possibilità al pubblico di godere di una serie di eventi di qualità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e spostamenti verso i congiunti fuori regione: cosa succede dal 16 gennaio

  • Da zona gialla rafforzata a zona arancione: cosa cambia in Fvg dal 9 gennaio

  • Verso la zona arancione: cosa cambia in Friuli Venezia Giulia e da quando

  • Coronavirus in Fvg, 20 vittime e 739 ricoveri: numeri drammatici

  • Si schianta con l'auto contro un camion: muore un 44enne

  • Casa completamente a fuoco in zona Udine Nord

Torna su
UdineToday è in caricamento