Cronaca Paderno / Via Monte Sei Busi

Il Comune contro il campo nomadi, troppi rifiuti e degrado nella zona

Il sindaco Fontanini ha deciso di emettere un'ordinanza per recintare l'area: "L’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo ci hanno messi nelle condizioni di agire con urgenza per preservare e tutelare la salute pubblica"

Il campo nomadi di via Monte Sei Busi è di nuovo nel mirino dell'Amministrazione comunale. Dopo l'annuncio di inizio mandato sullo sgombero entro il 2023 il sindaco, Pietro Fontanini, ha deciso di emettere un'ordinanza per recintare la zona. Il disposto è rivolto al demanio, con lo scopo di ottenere la recinzione e la pulizia della struttura. L’obiettivo è quallo di restituire decoro e garantire la sicurezza igienica e sanitaria a un’area pesantemente degradata a causa della presenza di pneumatici, cavi elettrici, materiale ferroso, mobili e altri rifiuti parzialmente incendiati. La decisione è stata assunta successivamente a un sopralluogo tenutosi nei giorni scorsi, alla presenza di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale, dell’Arpa Fvg di Udine – servizio territoriale.

Le dichiarazioni

Spiega Fontanini: “L’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo ci hanno messi nelle condizioni di agire con urgenza per preservare e tutelare la salute pubblica. La priorità è rimuovere i rifiuti: il materiale presente è stimabile in 50-60 metri cubi sparsi in prossimità del muro di confine del cimitero comunale. Udine paga anni di gestione tendenzialmente permissiva verso alcuni fenomeni: l’aria è cambiata ed è bene che tutti colgano il messaggio”. Alessandro Ciani, assessore comunale con delega alla sicurezza, aggiunge: “All’esito del sopralluogo, abbiamo deciso di mettere in campo un’azione rapida e urgente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune contro il campo nomadi, troppi rifiuti e degrado nella zona

UdineToday è in caricamento