Niente pasti per celiaci in mensa: studenti delle medie a casa senza pranzo

Ancora una segnalazione dalla Valussi di Udine, dove ieri è stato trovato un insetto all'interno del pasto consegnato durante il servizio mensa

Immagine d'archivio

Continua ad essere monitorato il servizio mensa nelle scuole di Udine dopo il caso degli insetti trovati nei pasti emerso nei giorni scorsi. Ieri i rappresentanti dei genitori hanno svolto un ulteriore sopralluogo dal quale è emerso che nella secondaria di primo grado Valussi, in via Petrarca a Udine, mancavano i pasti ai ragazzi cilliaci costretti quindi a rientrare a casa senza mangiare nulla, come testimoniato dalla rappresentante di quell'istituto, che ha aggiunto che «i pasti degli altri erano appena accettabili».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pirone

A esprimere la propria opinione in merio alla faccenda è il consigliere comunale di Progetto Inovare Federico Pirone. «Il pasto a scuola è un fondamentale servizio, oltre chi alimentazione, di crescita educativa e di socializzazione e contribuisce alla diffusione tra i minori e le rispettive famiglie dell’educazione alimentare, intesa come strumento per la prevenzione delle malattie, inclusa l'obesità, e il mantenimento dello stato di salute della popolazione, a partire da quei bambini che hanno necessità di diete speciali. Non possiamo dimenticare poi che, per diversi bambini in condizioni sociali ed economiche difficili, esso rappresenta il nutrimento principale della giornata. Alta è la domanda e qualitativamente alto deve essere di conseguenza il servizio per cui le famiglie comunque pagano». 
«Abbiamo ricevuto anche noi diverse segnalazioni da parte di genitori ed insegnanti su questi primi giorni di avvio della ristorazione scolastica: siamo estremamente preoccupati, ciò che è stato segnalato è grave e non va sottovalutato. Presenteremo un’interrogazione per chiedere conto alla giunta di quanto capitato in questa prima fase, così come dei criteri individuati per il nuovo appalto. Chiediamo poi che il comune autorizzi fin da subito i genitori della Commissione mensa ad accedere ai locali per i tradizionali sopralluoghi
», conclude Pirone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • È una caffetteria friulana il miglior bar d'Italia per Gambero Rosso 2020

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

  • Coronavirus, oltre 500 contagi in regione, 4 morti a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento