Migranti sui binari: mattinata da dimenticare per i pendolari, disagi anche nella Pedemontana

La denuncia del Comitato: "Qualità del servizio paurosamente calata; si è tornati indietro di ben 4 anni, con frequenti ritardi"

Altra mattinata da dimenticare per i pendolari della linea Udine-Trieste alle prese con ritardi causati dalla presenza di migranti lungo i binari. La segnalazione di persone che camminavano vicino ai binari è scattata poco dopo le 7, tra San Giovanni al Natisone e Gorizia. Immediatamente sono state allertate le forze dell'ordine per il rintraccio degli stranieri. La situazione è tornata alla normalità alle 8.30.
Nonostante le rassicurazioni di maggiori controlli, secondo il Comitato Pendolari Alto Friuli la questione dei migranti sui binari pare non abbia mai fine: "E' evidente che sino a quando non si bloccheranno i passeur ai valici di frontiera sarà difficile evitare in futuro altri episodi simili".

Linea di cintura

Mentre lungo la linea Udine - Trieste si consumava il triste episodio legato ai migranti sui binari, lungo la Tarvisio-Udine invece, secondo il Comitato - andavano in scena le “comiche ferroviarie”.

"Il R6099 Carnia-Udine delle ore 8.21 giunto a Bivio Vat in perfetto orario - proseguono gli esponenti del movimento in una nota -  è stato erroneamente instradato sul binario della diretta Vat-Udine anziché lungo la linea di cintura Vat-Udine Parco-Udine. Il convoglio immediatamente bloccato, ha sostato oltre 10 minuti a Vat, poi è stato fatto leggermente retrocedere ed instradato lungo la linea di cintura; proseguendo lentamente ha poi ha raggiunto la stazione di Udine con un ritardo di 12 minuti. A bordo l’imbarazzo dell’incolpevole personale Trenitalia che ha spiegato che il treno è stato instradato sul binario sbagliato. Si tratta di un errore imperdonabile da parte di RFI, causato sicuramente dalla scarsa attenzione dell’operatore e probabilmente dall’abitudine di instradare i treni passeggeri lungo la linea diretta.
Da metà settembre infatti 5 treni passeggeri su 30 sono stati deviati lungo la linea di cintura costringendo RFI ad una doppia gestione che come in questo caso sta provocando disagi agli utenti e scarsi benefici per gli automobilisti udinesi visto che questo correttivo non risolve il problema dei passaggi a livello. Tra la sosta e il “giro turistico” in linea di cintura, oggi il treno ha impiegato oltre 20 minuti per percorrere la distanza da Vat alla stazione di Udine".L'errore è doppio visto che una volta sbagliato l'instradamento del treno a Vat, Rfi poteva limitare il disagio facendo semplicemente proseguire il treno lungo la via diretta, riducendo di 15 mininuti la percorrenza visto che da Bivio Vat alla stazione il tempo di viaggio è di appena 4 minuti.

I disagi in Pedemontana 

Per concludere bene la mattinata rileviamo che sono stati cancellati e autosostitituiti a causa di un guasto alla stazione di Maniago i R23833 Maniago/Sacile delle 12.40 e il corrispondente R23838 Sacile-Maniago delle 13.36, creando disagi ad oltre un centinaio di studenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il peggioramento 

"Lo scorso anno avevamo chiesto in maniera provocatoria le teste dei vertici regionali di RFI e Trenitalia per causare una reazione da parte di FS di fronte ad un servizio non accettabile causa ritardi e guasti. A distanza di 10 mesi, dopo alti e bassi e un periodo di lockdown (da fine marzo a maggio) che non fa testo, possiamo evidenziare che la qualità del servizio è paurosamente calata; si è tornati indietro di ben 4 anni, con un servizio che appare precario caratterizzato da frequenti ritardi.
Ma sono soprattutto i guasti infrastrutturali alla rete che preoccupano e un evidente scollamento tra RFI e Trenitalia: sono infatti troppi gli episodi di guasti e le scelte di circolazione illogiche con una carente informazione a bordo treno e in stazione. E’ evidente che qualcosa nell’organizzazione di FS non sta funzionando e che qualcuno non è all'altezza del ruolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento