rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
bombardamenti

Nave carica di acciaio per il Friuli bombardata a Mariupol

Si tratta della Tzarevna, della Fratelli Cosulich: è bloccata dall'inizio della guerra nel porto di Mariupol con un carico di bramme di acciaio prodotte dall’ucraina Metinvest da portare a San Giorgio di Nogaro

La nave Tzarevna dell'azienda Fratelli Cosulich, è stata colpita da una bomba mentre si trovava bloccata nel porto di Mariupol con un carico di bramme di acciaio prodotte dall’ucraina Metinvest e diretto al porto Monfalcone per poi essere portate a San Giorgio di Nogaro al laminatoio Tecnosider. Come spiega Augusto Cosulich, amministratore delegato del gruppo, «il problema non è tanto il bombardamento, il porto è stato abbastanza risparmiato, ma il mare d'Azov è pieno di mine e non si può uscire. Ci vuole un percorso per uscire». Da quello che ha dichiarato l'armatore, la nave, che batte bandiera maltese, ha subito pochi danni ma è impossibilitata a uscire dal porto e l'equipaggio a bordo, una ventina di persone di cui nessuna italiana, ha ancora pochi viveri. L'acciaio a bordo della nave sono prodotti da Metinvest, multinazionale che controlla il laminatoio di San Giorgio di Nogaro: gran parte delle bramme arriva in particolare dalla Azovstal, acciaieria del gruppo ucraino bombardata alcuni giorni fa e quasi completamente distrutta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nave carica di acciaio per il Friuli bombardata a Mariupol

UdineToday è in caricamento