menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riparte l'industria del legno, Vidoni:«Pronti a operare in sicurezza»

Con il riconoscimento del codice Ateco si rimette in moto l'industria del legno. Cluster Arredo:“Segnale positivo, ma mancano i settori trainanti dell’Arredo e delle Costruzioni"

L'industria del legno, grazie al riconoscimento del codice Ateco 16, può ripartire. Nonostante il perdurare del blocco per il settore dell'arredo e delle costruzioni, due pilastri dell'economia regionale, il direttore del Cluster Legno Arredo, Carlo Piemonte, dichiara che "il segnale è comunque positivo".

La ripresa

“Con il riconoscimento dell’Ateco 16 relativo alla fabbricazione di prodotti in legno, a cui fanno capo centinaia di aziende in Fvg, si rimette almeno in moto l’economia del legno a cui lavoriamo da anni e che possiamo rafforzare. Un’industria che porta occupazione in varie aree della regione, in particolare la zona montana”.

La sicurezza

Il Cluster, già in costante contatto con la Regione, è impegnato anche nel reperimento dei dispositivi di protezione individuali per le piccole-medie imprese. Più di altre, le piccole aziende fanno difficoltà a trovare i dispositivi di sicurezza, e per questo avranno il pieno appoggio del Cluster. “Stiamo lavorando tutti assieme, il progetto Sistema Fvg va avanti - chiude Piemonte -. Ci attendiamo, però, che presto nella lista compaiano anche l’Arredo e le Costruzioni”.

Il presidente

“Bene l’apertura di una parte del comparto, ma l’Arredo e l’Edilizia sono i settori trainanti - precisa il presidente del Cluster, Franco di Fonzo - La preoccupazione è che se si arriva fino a maggio si mette in forse la ripresa delle aziende, che non potranno lavorare a pieno regime. Una volta persi ordini e clienti, infatti, non si avrà la possibilità di utilizzare tutto il personale attualmente impiegato. Più tardi apriamo e più difficilmente i lavoratori, purtroppo, ritroveranno collocamento”.

Messaggio positivo

“Il comparto legno nella nostra regione rappresenta una buona quota del manifatturiero - commenta Marco Vidoni, presidente nazionale Assolegno con delega settore Legno in cda del Cluster, assieme ad Alessandro Calcaterra -. Il messaggio è quindi positivo per tutti: si riparte producendo e fatturando, con effetto domino sull’intera filiera. Questo è il risultato degli sforzi delle associazioni, di cui il Cluster regionale è un ottimo coordinatore, che hanno svolto una buona attività nello sensibilizzare il governo. Ci si augura che questa piccola ripartenza si allarghi rapidamente a tutto il comparto dell’arredo, le cui aziende, ancora prima dello stop imposto, si erano organizzate con i protocolli di sicurezza dettati da governo e parti sociali. Anzi, con il progetto del Cluster “Welcome Area”, nella nostra regione le misure per la tutela dei lavoratori (primo patrimonio delle aziende) sono ancora più stringenti. Spero che questo faccia da stimolo per il governo nel favorire una più veloce riapertura possibile, seppur ragionata e graduale, a tutti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento