Circolo privato che agiva come un locale pubblico, la Questura blocca tutto

Nel mirino dei poliziotti un'associazione di via Baldasseria Bassa, che agiva sotto l'insegna "Try Lime"

Nessun tipo di autorizzazione per esercitare una pubblica attività di somministrazione di alimenti e bevande. Per questa ragione il personale amministrativo della Questura di Udine ha notificato ai gestori del circolo privato “Associazione Maria Saveria Lenoci” di via Baldasseria Bassa a Udine un provvedimento di diffida dall’esercitare attività di pubblico spettacolo. Nel circolo venivano organizzate le serate all’insegna del “Try Lime”.

CIRCOLO PRIVATO, LOCALE PUBBLICO. In un’ispezione datata 8 aprile è stato accertato che il “Try Lime”, qualificabile come locale di pubblico spettacolo e pubblico esercizio, di fatto agisse come circolo privato, con tutte le agevolazioni di carattere fiscale che ne conseguono. L’accesso al “Try Lime”, che dovrebbe essere riservato ai soli soci, di fatto era consentito in maniera indifferenziata a chiunque.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LICENZA SOSPESA. Oltre all’atto di diffida è stata sospesa per un totale di 15 giorni l’attività del circolo, visto che vi venivano organizzati spettacoli di intrattenimento musicale; gli allestimenti del locale per la diffusione musicale, la postazione dj e la pista da ballo, sono risultati infatti perfettamente compatibili con quelli di un locale di pubblico spettacolo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

Torna su
UdineToday è in caricamento