Cronaca

Udine capitale del Sauvignon con oltre 1000 vini in degustazione

Si è chiusa ieri sera la decima edizione del Concorso mondiale del Sauvignon, ospitata per la seconda volta in regione

Con la cena di gala tenutasi stasera al castello di Spessa si è conclusa la decima edizione del Concorso mondiale del Sauvignon, ospitata per la seconda volta in regione. Una settantina tra degustatori, giornalisti, esperti e critici di 23 nazionalità diverse hanno valutato 1.010 campioni di Sauvignon bianco, i vincitori saranno comunicati il 17 marzo al salone ProWein a Düsseldorf. 

L'edizione record

«In questa decima edizione – ha commentato Thomas Costenoble, direttore del Concorso Mondiale del Sauvignon – abbiamo registrato un nuovo record con 1.010 vini provenienti da moltissimi paesi e abbiamo notato che l'espressione del Sauvignon nel mondo è molto interessante, per quanto riguarda la varietà e la diversità di questo vitigno. Qualità aromatiche, di freschezza e raffinatezza che abbiamo ritrovato in tutti i vini in gara».

I numeri e i Paesi partecipanti

Oltre mille i campioni di Sauvignon in gara che arrivano da 24 paesi sparsi in tutto il mondo, dalla Francia all'Italia, dalla Nuova Zelanda alla Spagna, dal Sudafrica all'Austria, dal Cile alla Slovenia solo per citarne alcuni. A farla da padrone sono stati i vini francesi con una partecipazione che si aggira sulle 500 aziende partecipanti. Seguono Austria e Italia, entrambe con oltre 140 campioni in gara e, a seguire, Sudafrica, Spagna, Nuova Zelanda, Cile, Slovacchia, Romania, e via di seguito passando per Svizzera, Repubblica Ceca, Portogallo, Bulgaria, Germania, Slovenia, Messico e molti altri. Guardando al nostro Paese, la regione in assoluto con più partecipanti non poteva che essere il Friuli Venezia Giulia che sfiora il centinaio di presenze al concorso, seguita dal Veneto con una decina, e Trentino Alto Adige, di poco sotto. Ci sono stati vini anche da Lombardia, Piemonte, Toscana, Sicilia e Umbria.

La giuria

La giuria, i cui membri sono giunti a Udine da 23 paesi, ha avuto la responsabilità di attribuire le medaglie ai migliori vini in competizione. Nello specifico, è composta da specialisti  scelti con la massima cura tra professionisti che vivono per il vino e grazie al vino durante tutto l’anno: ricercatori, enologi, giornalisti, scrittori e critici specializzati e molti altri. Le tante nazionalità rappresentate garantiscono quindi una diversità eccezionale che permette al Concorso di distinguersi nell’universo dei concorsi enologici. I Paesi da cui arriveranno a Udine i giudici sono: Argentina, Austria, Belgio, Canada, Croazia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Svizzera. Per valorizzare al meglio i produttori premiati, i risultati saranno proclamati al salone ProWein a Düsseldorf (Germania), domenica 17 marzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Udine capitale del Sauvignon con oltre 1000 vini in degustazione

UdineToday è in caricamento