Chiude l'osteria Al Collio, via Aquileia perde uno dei suoi luoghi storici

Problemi economici e di salute hanno costretto il gestore Peppe Petracco a dire addio all'osteria, che oggi servirà gli ultimi bicchieri di vino

Giuseppe Peppe Petracco dietro il bancone del Collio nell'ultimo giorno di apertura

Peppe Petracco ha gestito l'osteria Al Collio di via Aquileia per tre anni, facendola diventare luogo di ritrovo non solo per i residenti, ma anche per gli appassionati della musica. Ora, però, ha deciso di lasciare il locale e dopo la grande festa organizzata a sorpresa dai suoi amici di sempre, capitanati da un inarrestabile Rocco Burtone, oggi è l'ultimo giorno per passare a bere un taglio di vino al Collio, prima che le serrande vengano abbassate nell'attesa di un nuovo gestore.

Le motivazioni

«A me piacerebbe rimanere qui - ci racconta quasi con commozione Giuseppe Petracco, per tutti Peppe -  ma la situazione è ormai insostenibile e devo vedere prima di tutto di me stesso». Un grave problema di salute, infatti, lo ha tenuto lontano per diverso tempo dal bancone della sua amata osteria, gestita nel frattempo dai suoi collaboratori. Vuoi per questo motivo e vuoi per la concomitanza del cantiere di via Aquileia che ha messo in difficoltà tutti i negozi della strada, gli affari negli ultimi mesi si sono sono messi piuttosto male.

«È troppo dura far quadrare i conti e sento il bisogno di guardare maggiormente alla mia salute», dichiara Petracco mentre nel locale si susseguono gli ingressi degli ultimi avventori prima che la porta del civico 86 di via Aquileia.

Il locale

Situato a poche decine di metri prima di porta Aquileia, l'osteria conserva l'aria del tipico locale friulano. Un ingresso con un bancone dove non manca la vetrina degli affettati e dei crostini e dove fanno bella presenza le uova sode da mangiare con sale e pepe mentre si sorseggia un taj. «Sono pieno di locandine di concerti - racconta Petracco, originario di San Michele al Tagliamento e già cuoco di Gnagne Sese in via Marsala - e con l'amico Rocco Burtone pensavamo da tempo di creare un locale che fosse ritrovo di musicisti della zona... magari tra qualche mese lo farò, ma chissà dove». Al Collio diversi musicisti friulani erano ospiti fissi, oltre al già citato Burtone. Frizzi Comini Tonazzi, Barbara Errico, Daniele D'Agaro sono solo alcuni dei nomi degli affezionati. 

Il futuro del locale

«Questo posto è stupendo e so che ci sono diverse persone interessate ma dovrà essere il titolare dei muri a valutare e chi darlo in affitto. A me piacerebbe venisse valorizzato, non solo per l'affetto che provo io, ma anche perché è un locale che ha oltre 100 anni di storia». Chi volesse passare per un ultimo bicchiere di vino, avrà tempo fino a questa sera...

collio-3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento