addio / Grimacco

Addio a "Stazione di Topolò": dopo 29 edizioni finisce il miracolo culturale delle Valli del Natisone

Quella del 2022 è stata l'ultima edizione della "stazione": l'annuncio laconico su Facebook da parte di Moreno Miorelli e Antonella Bukovaz

"C'è voglia di diventare altro". Così si può condensare il pensiero di Moreno Miorelli e Antonella Bukovaz rispetto alla decisione di interrompere la meravigliosa avventura di "Stazione di Topolò". Un messaggio laconoico affidato ai social, che ha scosso quanti non erano al corrente di questa decisione, lasciando sbigottito il mondo della cultura friulana.

toppolove-2

Stazione di Topolò, infatti, era simbolo di un baluardo culturale immaginato immortale e resistenze, vuoi per la sua proposta, vuoi per le sue origini. Un festival nato nelle Valli del Natisone, ridando vita a un paese e a una geografia abbandonati e poi rinati, capaci di prendersi ribalte nazionali e internazionali pur mantenendo la sua identità ruvida e autentica. Non un festival, ma un piccolo-grande laboratorio di frontiera, la frontiera italo-slovena della Benecija, dove si sono incontrati per anni culture, lingue, suoni da tutto il mondo. Sul posto sono stati realizzati progetti ispirati direttamente dal contatto, dalla conoscenza del luogo, diventato così il motore e non lo scenario passivo degli eventi. 

Addio a Ulay, amico di Topolò

Antichi sentieri riportati alla luce dai residenti

Per la sua dichiarazione ufficiale, Moreno Miorelli l'affida alle parole di Ezra Pound. 

Ho provato a scrivere il paradiso, non ti muovere, lascia parlare il vento, così è  il paradiso

"È tutto in questi versi, il resto sono dettagli". Conferma il direttore artistico di "Stazione di Topolò". Anche Antonella Bukovaz lascia sul suo profilo una frase con un'immagine, che non lasciano spazio ad interpretazione ma solo a tanta tristezza. "Dopo 29 anni Stazione di Topolò chiude. Era solo bellezza...".

post-4-5

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a "Stazione di Topolò": dopo 29 edizioni finisce il miracolo culturale delle Valli del Natisone
UdineToday è in caricamento