menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiude anche il bar Madrid, un altro locale abbandona il centro storico

Verso la fine dell'estate il popolare luogo di ritrovo di via Paolo Sarpi abbasserà le serrande dopo 12 anni di attività. L'assessore al commercio Venanzi: "Dal punto di vista degli affitti i proprietari dovrebbero essere più flessibili"

Dopo 12 anni come punto di riferimento cittadino chiude il bar Madrid di via Paolo Sarpi. Lo farà alla fine del mese di agosto. Dal 2007 il locale era gestito da Andrea Realini e Barbara Bruno, che hanno investito denaro ed energie per garantire agli udinesi un offerta di alto livello, sia per quello che riguarda la ‘comida’ - essendo un locale di ‘tapas’, alla spagnola -, che per quello che riguarda la musica. Tante le iniziative al riguardo, con i dj contest e le serate Hobo Night che hanno fatto divertire molte persone. Le difficoltà sono sempre più consistenti però, dalle limitazioni dovute a ruomore e orari ai costi di gestione, che in centro storico non sembrano tendere al ribasso nonostante il periodo di crisi. 

Sulla questione abbiamo sentito l’assessore al commercio Venanzi, legato al locale anche per i “Mercoledì dei Sarpi”, iniziativa germogliata quando - nel 2009 - era consigliere comunale. “Spiace perché con i gestori c’è un rapporto di amicizia che va avanti  da molti anni. Da amministratore mi sento di orientare il focus sul tema affitti. Come Comune abbiamo cercato di sensibilizzare al massimo sulla questione, aumentando al massimo l’aliquota sugli immobili sfitti, in modo da incentivare alla locazione, anche accontentandosi di un prezzo più basso di quello che si desidererebbe.  Da questo punto di vista, considerato anche il momento di difficoltà, i proprietari dovrebbero essere più flessibili”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento