La cima del Monte Tuglia omaggia Carlo Ceconi, il soccorritore alpino morto sotto una valanga

Il tecnico del soccorso alpino Carlo Ceconi ha perso la vita lo scorso febbraio sul monte Coglians, i colleghi e i compaesani lo ricordano con un chiodo gigante realizzato in legno

Il grande chiodo di legno posto in cima al Monte Tuglia dai colleghi e compaesani di Ceconi

Un gesto simbolico dopo una tragedia. Così la comunità montana ha vissuto la messa a terra di un grande chiodo di un metro e settanta e un'ottantina di chili di peso, piantato sulla vetta del Monte Tuglia. È questo l'omaggio reso dai compaesani e dai colleghi soccorritori di Carlo Ceconi, il tecnico del Soccorso Alpino e speleologico di Forni Avoltri scomparso sotto una valanga sul Monte Coglians ai primi di febbraio del 2019.

L'omaggio

Un monumentale chiodo ovvero il simbolo dell'unione tra la parete e l'alpinista, realizzato in forma di scultura di legno e conficcato sulla cima di quello che è considerato il Cervino della Carnia, per la sua forma aguzza. La scorsa domenica 16 giugno sono stati i tecnici della stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino e Speleologico, i colleghi di Carlo "Lotta" Ceconi - a issare sulla ripida vetta il manufatto, portato sul posto con l'elicottero della Protezione Civile, contemporaneamente mettendo in sicurezza, pulendo e attrezzando con duecento metri di cavo e chiodi l'itinerario di salita lungo la via normale  - il sentiero "Creto di Tuio"  - a quella cima. L'operazione, resa possibile grazie ad una donazione raccolta con i fondi per la tempesta Vaia dell'ottobre 2018, è stata l'occasione per rendere l'itinerario più sicuro e divertente. In settembre avrà luogo l'inaugurazione ufficiale con la messa in opera di due tabelle indicative che segnalano il sentiero stesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento