Vicenda "Centro stupri", l'avvocato: "È solo la frase cult di un film, è satira"

Secondo Maurizio Miculan, legale di cinque degli otto ragazzi finiti nel registro degli indagati, non è stato compiuto nessun reato. Chiesto un interrogatorio con il pm titolare dell'inchiesta

Sacha Baron Cohen ne "Il dittatore"

"In data odierna ho presentato un’istanza per un interrogatorio dei miei assistiti di fronte al pm, perché è di nostro interesse chiarire subito la vicenda e porre fine a questa campagna mediatica, facendo emergere una verità che è completamente diversa rispetto ai gravi reati contestati". È quanto ha dichiarato Maurizio Miculan, legale di cinque degli otto ragazzi indagati per la vicenda "Centro stupri", ai microfoni di Udinese Tv. "Ritengo che ci sia lo spazio per arrivare a un chiarimento in tempi molto rapidi – ha proseguito il legale – e dimostrare che non esiste quanto contestato dalla procura della Repubblica di Udine. C’è stata una condanna mediatica senza nessun contraddittorio – ha attaccato Miculan –, ma io ci andrei con i piedi di piombo, perché non sarebbe la prima volta che poi tutti vengono assolti nel corso del processo vero".

Il chiarimento

"Centro stupri – ha chiarito Miculan – non è l’invenzione di un gruppo di giovani annoiati della Udine bene, come si è cercato di rappresentare, ma una frase cult di un film con Sacha Baron Cohen – Il dittatore –, che fa di questo slogan un elemento di satira dissacrante. Una situazione diametralmente opposta a quella prevista dala Procura, non di certo di istigzione a delinquere".

Le ragazze

"Le ragazze presenti sia a San Daniele che a Lignano – ha incalzato Miculan – hanno condiviso la situazione, indossato le magliette, fatto foto, a dimostrazione che le donne – astrattamente parte lesa dell’istigazione a delinqure –, non l’hanno assolutamente percepita come tale". 

Odio razziale

"Sull’istigazione all’odio razziale – ha chiuso Miculan – dobbiamo contestualizzare frasi oggettivamrnte brutte, ma che non integrano un reato. Andranno spiegate, certo, ed è per questo che ho chiesto un confronto con il pm quanto prima".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento