menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scommesse sportive illegali in provincia di Udine: sequestrati 7 centri

Scoperto un Violate le norme sull'anti-riciclaggio del denaro ed evasione fiscale per migliaia di euro. Denunciati i responsabili dei sette centri, con sede legale a Malta e sequestrata tutta l'attrezzatura, grazie ad un'operazione della Gdf e Questura

Scommesse illegali in provincia di Udine. La Guardia di Finanza e la Questura di Udine hanno individuato sette centri di trasmissione dati di scommesse sportive, che operavano nella più completa inosservanza delle norme a tutela della sicurezza pubblica, della prevenzione del riciclaggio di denaro sporco e delle tasse da pagare.

I centri sequestrati si trovano a Palmanova, Povoletto, Pradamano, Lignano Sabbiadoro, Campoformido e Udine, dove sono stati posti sotto sequestro due locali di scommesse, tutti con sede legale a Malta. Anche tutte le attrezzature sono state ritirate dagli agenti, nello specifico 20 computer, un server, un modem router, documenti e contanti. I responsabili invece sono stati denunciati per esercizio abusivo di pubbliche scommesse sportive ed esercizio di gioco d'azzardo senza autorizzazione. L'operazione ha permesso, inoltre, di individuare alcuni allibratori esteri che attiravano gli avventori con scommesse apparentemente più redditizie di quelle proposte dai centri autorizzati. Le indagini continuano e non si escludono nuovi sviluppi, visto che gli agenti stanno facendo accertamenti sulla violazione della normativa antiriciclaggio e sul macato pagamento delle imposte sulle scommesse, che ammonta a decine di migliaia di euro e altri aspetti relativi all'evasione fiscale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scontro sulla Napoleonica, distrutta un'automobile

  • Salute

    Ora a Udine ci si cura dai malanni facendo l'orto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento