Centri estivi, situazione problematica a Udine, il commento dei consiglieri PD

Il commento dei consiglieri PD Eleonora Meloni, Cinzia Del Torre e Alessandro Venanzi sulla situazione dei centri estivi a Udine.

Immagine d'archivio

"Se confrontiamo lo sforzo di Udine rispetto al capoluogo regionale nell'erogazione dei centri estivi, ci rendiamo conto di quanto poco sia stato fatto”.
Lo affermano i consiglieri PD Eleonora Meloni, Cinzia Del Torre e Alessandro Venanzi, commentando la situazione dei centri estivi a Udine.

“Mentre a Trieste si accingono a mantenere pressoché invariati i numeri dei posti per i centri estivi rispetto al 2019, con assunzioni di 45 educatori, più spazi e collaborazioni con privati grazie a uno stanziamento ulteriore di 1,5 milioni, a Udine vige la regola del “vedremo, faremo, decideremo”.

"Intanto, però, i genitori hanno dovuto fare a gara di velocità per accaparrarsi un posto tra quelli messi a disposizione quest’anno, con l’incertezza per le fasce d’infanzia (0-3) ancora non contemplate. Non solo. I servizi attualmente definiti prevedono soltanto 4 turni totali. Troppo pochi se pensiamo che stiamo tutti lavorando per una ripartenza generale post Covid19, con bambini e ragazzi chiusi in lock down da fin troppo tempo, e la necessità di consentire ai genitori di conciliare i tempi lavoro/famiglia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le richieste

"Sono oramai due mesi che chiediamo al Sindaco e alla giunta di prevedere un piano straordinario, destinando maggiori risorse per garantire presenza capillare dei servizi sul territorio, adeguati numeri (in linea con con 2019) con turni sino ai primi di settembre".

"Attendiamo con ansia - concludono i consiglieri -  l’annunciata variazione di bilancio, in ritardo rispetto alle reali necessità delle famiglie. Speriamo che, finalmente, la giunta prenda coraggio e destini le risorse necessarie. Su questi temi il Partito Democratico non farà mancare l’appoggio, purché ci sia coraggio nelle scelte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento