Centri estivi, il consigliere Govetto "Nessuna mala gestione. Ancora posti in altre strutture"

All'accusa dell'opposizione di una mala gestione dei servizi educativi estivi, alla vigilia della loro apertura, risponde il consigliere con delega alle Famiglie e alle scuole paritarie Giovanni Govetto. "Ancora posti liberi in diverse strutture - riferisce - Prezzi stabili, ma con metà degli iscritti a causa normativa Covid19 quota procapite elevata"

Immagine d'archivio

"L'accusa, da parte dell'opposizione di un'offerta, per quanto riguarda i servizi educativi estivi, sottodimensionata rispetto alla domanda, è infondata considerando la complessità dell'offerta e la situazione in corso. Seppur vero che sono andati ad esaurirsi rapidamente i posti nei centri estivi offerti dal Comune, è anche vero che, allargando lo spettro di possibilità, emergono ancora disponibilità in altre stutture" .

Così, il consigliere con delega alle Famiglie e alle scuole paritarie Giovanni Govetto, risponde alla "querelle" dell'opposizione che solo pochi giorni fa era passata all'attacco sulla mala gestione dei servizi educativi da parte della corrente Amministrazione Comunale, proprio alla vigilia dell'apertura dei tanto attesi centri estivi.

179abf2c-9de2-4d32-9bcf-f9c9d8bd5f1c-2

Alcuni consiglieri di opposizione, Scalettaris, Venanzi del Pd, Bertossi di Prima Udine, Patti di Siamo Udine e Capozzi del M5S, "capitanati" da Pirone di Progetto Innovare, avevano infatti presentato alla giunta un'interrogazione sui "gravi ritardi e sull'estrema confusione che c'è su tutti i servizi educativi", come vi abbiamo raccontato nel nostro articolo.

Strutture ancora disponibili

Alcuni posti, secondo quanto riferito, risultano ancora disponibili per i centri estivi attivati presso le scuole dell'infanzia (per la fascia di età 3-6 anni) Papa Giovanni XXIII, Santa Maria dell'Orto e Monsignor Catarossi. Posti disponibili anche al centro estivo inaugurato dall'Istituto Volta e presso l'Istituto salesiano Bearzi per la fascia d'età tra i 7 e 11 anni.

Aspetto economico

"E' vero che i prezzi sono molto elevati - riferisce Govetto - ma inferiori rispetto a quanto ipotizzato. Parliamo di cifre comprese tra i 600/800 euro al mese invece degli oltre 1000 considerati in fase iniziale. Ciò che molti si dimenticano di considerare è che non è il singolo centro estivo ad aver aumentato la tariffa (seppure le spese, includendo costi di sanificazione e misure anti-covid, si siano alzati), ma è il numero di partecipanti massimi, che essendosi dimezzato alza la quota procapite".

"L'INPS - conclude  Govetto - ha già messo a disposizione svariati contributi per l'abbattimento della retta, che si vanno a sommare a quelli che saranno presto messi in pista dalla Regione FVG. Non mancheranno gli aiuti neanche dal Comune che è già al lavoro insieme alle diverse associaizoni che hanno attivato servizi educativi estivi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento