Eliminato l'obbligo dei tamponi per i centri estivi, via il 3 giugno

Previsto anche un servizio per la fascia dagli zero ai tre anni

Apertura dei centri estivi anche per i bambini della fascia 0-3 anni ed eliminazione obbligatoria del tampone. Ma anche definizione del rapporto numerico tra bambini ed educatori: per la fascia 0-5 un educatore ogni 5 bambini, per la fascia 6-11 un educatore ogni 7 bambini, rapporto che sale a uno a 10 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni. E poi misure di sicurezza stringenti inserite in un patto di corresponsabilità tra genitori, gestori ed enti pubblici, a cui si aggiunge l'accoglimento dell'ipotesi con la quale anche i volontari possano prestare servizio, a patto che abbiano almeno 16 anni. Sono queste alcune delle principali novità delle linee guida per la riapertura di attività educative, ludiche e ricreative per minori inserite nella delibera approvata questa mattina dalla giunta regionale su proposta dell'assessore alla Famiglia, Alessia Rosolen, e del vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

Riccardi

"Il riavvio dei servizi educativi – spiega Riccardi – rappresenta in questo momento un passaggio fondamentale per l'avvio della "Fase 2" della gestione dell'emergenza Coronavirus. Dal momento che sono riprese molte delle attività, le famiglie devono poter contare su questi servizi che sono per loro di supporto e di grande importanza, anche in considerazione della necessità di continuare ad adottare comportamenti che riducono il rischio di un contagio per le persone anziane, come i nonni ai quali – in assenza di alternative – vengono spesso affidati i bambini. Infine la possibilità di frequentare i centri estivi – conclude Riccardi – consente ai partecipanti di poter nuovamente socializzare con i propri coetanei, ristabilendo così uno degli elementi che era venuto meno nel periodo di lockdown".

Dal 3 giugno

Per l'assessore Alessia Rosolen l'importanza della delibera odierna è incentrata innanzitutto sul fatto che il provvedimento estende il servizio dei centri estivi anche ai bambini di fascia 0-3 anni, con l'attivazione di un progetto innovativo e sperimentale che non può prescindere da un'assunzione di responsabilità sinergica tra famiglie, enti gestori, Comuni e Regione. "Per tutti, il servizio potrà partire già dal 3 giugno previa approvazione del progetto da parte del Comune nel cui territorio si svolge l'attività. Per facilitare le procedure verranno messe a disposizione sul sito internet della Regione un modello di progetto e di patto di corresponsabilità utili a ridefinire l'attività estiva nel rispetto delle misure di sicurezza previste".

In caso di febbre

Sotto il profilo operativo l'assessore regionale chiarisce che “nel caso in cui i bambini dovessero manifestare febbre (37 gradi e mezzo) o sintomi respiratori o gastrointestinali, dovranno rientrare a casa e dovrà essere contattato il pediatra. Il bambino dovrà essere accompagnato da un solo genitore ed è preferibile il trasporto da parte di famigliari. I mezzi pubblici possono essere comunque utilizzati nel rispetto delle ordinanze vigenti. Sono stati stabiliti principi generali di igiene e pulizia, sanificazioni frequenti e disinfezione meticolosa di tutti gli oggetti, a iniziare dai giocattoli. I pasti saranno somministrarti in monoporzioni e verranno utilizzate stoviglie monouso. I bambini avranno lettini e lenzuola ad uso personale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, una 28 enne finisce in terapia intensiva

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Non ce l'ha fatta il giovane Cristian, morto a soli 23 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento