Stop all'ecomostro di amianto, a breve la bonifica

Sedegliano: ceduta l'area di 12mila metri quadri identificata come zona "Precast". Dopo il fallimento della società e undici tentativi di vendita si è finalmente arrivati ad una soluzione. L'insediamento è stato acquistato dalla S.T.R. S.r.l. di Fiumicello

Un'immagine del capannone ex Precast

Dopo anni di proteste e malumori è arrivata la soluzione che a Sedegliano tutti attendevano. L’area dell’insediamento produttivo della “Precast Spa” (12mila metri quadri di un’azienda ormai fallita nel 2012) è stata acquistata da una nuova proprietà e sarà oggetto di bonifica. Terminerà così la vita di quella che nel tempo, dopo la dismissione, è diventata una vera e propria bomba ecologica a causa dei residui presenti (in particolare di amianto), oltre ad essere considerabile come un vero e proprio ecomostro inserito in una zona residenziale, con il polo scolastico sedeglianese distante solamente una cinquantina di metri. 

LA FIRMA. Stamattina, nello studio del notaio Bruno Pannella di Udine, dopo ben 11 tentativi di vendita andati deserti è stata definitivamente aggiudicata la proprietà. Ad aggiudicarsi il lotto è stata la S.T.R. S.r.l. di Fiumicello, società che da quasi 20 anni è specializzata sul territorio nazionale nel settore del risanamento e recupero di aree fabbricabili e preparazione delle relative opere di urbanizzazione.  

LA VOCE DELL'IMPRENDITORE. Luca Biasotto, rappresentante legale della società, una volta a conoscenza della criticità della queustione non ha esitato a raccogliere la sfida: «Sono stato interessato della problematica afferente l’area ex Precast dalla mia società di consulenza aziendale PCP Consulting S.r.l. di Udine, che mi ha invitato ad eseguire un sopralluogo preliminare. Da subito sono rimasto sorpreso del fatto che un’area di tale ampiezza, con notevole capacità edificatoria, circondata da ville di pregio, e sita in un magnifico contesto naturalistico, potesse essere stata abbandonata a sé stessa per un così lungo periodo di tempo. Inoltre, la presenza di una scuola elementare nelle immediate vicinanze rendeva più che mai urgente dar corso ad un’operazione di risanamento, e così ho deciso di mettere a disposizione la mia esperienza. Sono sicuro che, con la necessaria collaborazione dell’Amministrazione comunale, che assieme allo studio dei miei consulenti mi riservo di contattare nelle prossime settimane, sarà possibile pianificare l’avvio dell’operazione di risanamento e ridare alla comunità di Sedegliano il decoro che l’area della ex Precast merita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Udine trasgressiva, le escort raccontano le abitudini dei friulani

  • Si sente male mentre è al bar, malore fatale per un 59enne

Torna su
UdineToday è in caricamento