Cede la fognatura in piazza Primo Maggio, la strada è stata riaperta

Si è provveduto a sostituire il vecchio allaccio con uno nuovo, senza necessità di sospendere l'erogazione idrica

È stato concluso il lavoro in Giardin Grande a Udine da parte di Cafc. Il danno alla fognatura, rivelatosi meno grave del previsto, è stato identificato, dopo le procedure di scavo, su un allacciamento di utenza alla vecchia fognatura. Si è provveduto a sostituire il vecchio allaccio con uno nuovo, senza necessità di sospendere l'erogazione idrica. Sebbene sulla vecchia fognatura, in calcestruzzo, siano stati sovrapposti negli anni diversi sotto-servizi (gas, fibra ottica, etc), i tecnici sono riusciti ad operare concertando l'intervento.

Nella giornata di martedì tutto è stato richiuso. Oggi è stata eseguita la video-ispezione per verificare l’esito dell’intervento. Si procederà nelle prossime ore alla pavimentazione provvisoria. La strada è stata riaperta questo pomeriggio.

Il cedimento fognario si era verificato nel weekend fra il 10 e l'11 luglio all'altezza della casa del Prefetto. Per consentire ai mezzi di continuare a transitare Cafc aveva allestito un piastra metallica da cantiere sulla strada che aveva permesso ai cittadini di transitare senza alcun contraccolpo. Le operazioni di scavo sono iniziate lunedì 20 luglio e, come da ordinanza ricevuta dal servizio di Polizia locale del Comune di Udine, hanno comportato la chiusura a senso alternato della viabilità con l'installazione di un semaforo per la gestione del traffico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Cambiamenti in vista: nuove Regioni verso la zona rossa e zone da "liberare"

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

Torna su
UdineToday è in caricamento