menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cavarzerani, interrotto lo sciopero della fame dei richiedenti asilo

Dopo tre giorni - è stato registrato anche un malore di un manifestante - i trenta ospiti che protestavano hanno deciso di fermarsi

Intorno alle 14 di oggi - come ha informato la Croce Rossa - il gruppo di circa 30 richiedenti asilo ospitati presso il Campo di Accoglienza Cavarzerani ha interrotto lo sciopero della fame intrapreso tre giorni fa "a causa del ritardo con cui vengono rilasciati loro i permessi di soggiorno". 

Tre nostri operatori - precisa il comunicato dell’associazione - hanno cercato nuovamente di spiegare i motivi per cui i documenti non possono essere rilasciati nell'immediato e che ogni azione da loro intrapresa avrebbe potuto incidere negativamente sulla decisione della Commissione Territoriale.

Dopo alcuni minuti i richiedenti asilo hanno compreso la pericolosità del gesto per la loro salute (un ragazzo è stato accompagnato in Pronto Soccorso avendo accusato un malore) e per il timore che il loro comportamento possa influire negativamente sull'iter di asilianti.

Gli Ospiti hanno voluto ribadire che nulla hanno da sollevare nei confronti di chi li ospita e dello Stato Italiano e hanno finalmente compreso che l'alto numero di richiedenti asilo ritarda le procedure previste. Durante i tre giorni di protesta non sono stati rilevati comportamenti o gesti pericolosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento