Caso assunzioni alla Bouvard di Fagagna, la Cisl risponde alla Cgil

La segreteria regionale Fai Cisl Fvg replica punto su punto alle accuse della Flai Cgil: "Da noi correttezza e concretezza. Accordi sottoscritti con le rsu e derogabili con i contratti collettivi di prossimità"

Giorgio Spelat e Claudia Sacilotto, rappresentanti della Fai Cisl Fvg, rispondo punto su punto all' "atto di accusa" esposto ieri dalla Flai Cgil Fvg in merito agli accordi sottoscritti dal loro sindacato e la Bouvard di Fagagna (ex Euro Cakes). Il tema, naturalmente, è quello della stabilizzazione del personale, obiettivo che, secondo la Cgil, sarebbe venuto meno "penalizzando pesantemente i lavoratori assunti" proprio accettando i contratti a termine e i part time". Non solo, secondo Saverio Scalera della Flai Cgi, gli accordi sarebbero nulli anche in base a quanto recentemente stabilito dal “decreto Dignità”.

«La Flai Cgil — spiegano i segretari regionali di Fai Cisl — punta ancora una volta sull'idolatria ideologica del diabolico conflitto permanente portandolo dalle piazze anche nelle aule giudiziarie. Anzi per la Flai Cgil il conflitto pare un benefico e insostituibile strumento per la tutela dei lavoratori a discapito, anzitutto, degli strumenti stragiudiziali compositivi delle controversie come l'accordo sindacale con la controparte datoriale e nell'interesse di ciascun lavoratore presente in azienda. Come Fai — aggiungono i sindacalisti Cisl  siamo rispettosi della tutela giurisdizionale dei diritti e, ancor più, delle sentenze che ne conseguono. Ma riteniamo, altresì, che l'esasperata conflittualità, individuale e collettiva, a scapito di altre forme di tutela a disposizione del sindacato, rispettose della Legge e della Costituzione, vadano sempre coltivate nelle relazioni industriali proprio com'è avvenuto nel caso dell'accordo del 12 giugno 2017».

La replica punto per punto

«Anzitutto è singolare che ad oltre un anno dalla sottoscrizione dell'accordo, siglato il 12 luglio 2017, la Flai Cgil voglia, solo ora, intraprendere "un'azione legale contro l'accordo sui contratti a termine sottoscritto dal colosso delle merendine e dalla Cisl "per mettere fine a una situazione che, secondo il sindacalista, sarebbe contra legem" . Al riguardo —  puntualizzano Spelat e Sacilotto —  si precisa che la Fai ha sottoscritto con le proprie rsu un accordo 'in deroga', ex art. 8 l. n. 148 del 2011, dopo mesi e mesi di discussione e trattative nell'allora Euro Cakes Spa. Né vale invocare che tale accordo sarebbe invalido "alla luce anche del 'decreto Dignità' . Al sindacalista della Cgil sfugge anche che le modifiche alla nuova disciplina del contratto a tempo determinato potranno ancora essere realizzate attraverso i contratti collettivi di prossimità (aziendali o territoriali) previsti dall'articolo 8 della legge 148/2011 che consente di derogare alla disciplina legale (anche quella oggi vigente) delle assunzioni a termine. E con l'accordo del 12 giugno 2017, la Fai Cisl ritiene di aver agito responsabilmente e nell'interesse dei singoli dipendenti dell'azienda garantendo un percorso certo di stabilizzazione dei lavoratori a fronte di una spiccata stagionalità produttiva aziendale e in un contesto - al momento della sottoscrizione - non certo facile per il futuro dell'Azienda che aveva perso uno dei maggiori clienti il quale garantiva circa il 20% della produzione e quindi una fetta importante anche del fatturato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accordi in deroga

«La deroga —  proseguono i due sindacalisti Cisl —riguarda la possibilità aziendale di aumentare il tempo che un lavoratore può essere occupato in azienda con contratto a termine, 54 mesi invece di 36. L'alternativa? L'azienda si sarebbe orientata alla ricerca di 'nuovo personale' lasciando a casa chi aveva acquisito esperienza e professionalità e sperava in una stabilizzazione occupazionale. L'accordo ha permesso un percorso di stabilizzazione ed anche un minor utilizzo di lavoratori somministrati, a vantaggio di assunzioni dirette da parte dell'allora Euro Cakes ora Bouvard Italia. Sorprende, ancora, che la Flai Cgil non rammenti neppure che 'l'accordo separato' - così da lei qualificato - è stato presentato alle Lavoratrici e Lavoratori in assemblee sindacali unitarie e che, tramite voto segreto, l'intesa a firma della sola Fai Cisl e delle sue Rsu è stata approvata a grande maggioranza da parte dei lavoratori; infatti hanno espresso voto favorevole 172 su 229 partecipanti al voto. Ad ogni buon conto è appena il caso di rammentare alla Flai Cgil che l'art. 8 della l. n. 148 del 2011 consente la stipula anche da parte di una sola associazione. Quanto detto conferma —  concludono Spelat e Sacilotto — ,  che la Fai Cisl Fvg si è sempre contraddistinta per la correttezza e la concretezza della sua azione sindacale. I risultati tangibili dimostrando di essere ogni giorno a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori tanto da riscuotere un netto successo nelle elezioni R.S.U. del maggio u.s. eleggendo 5 candidati su 9 totali, ottenendo quindi la maggioranza. Ciascuno di questi fatti, di per sé, rimandano al mittente le accuse pervenute dalla Flai Cgil per asserite violazioni di leggi e contratti».

Cgil chiede assunzioni stabili alla Bouvard di Fagagna

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento