menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Casa Cavazzini in mostra una nuova opera di Mirko Basaldella

Restituito alla visibilità pubblica un disegno legato all'eccidio delle Fosse Ardeatine, grazie a un comodato d'uso gratuito con la Fondazione Friuli

A Casa Cavazzini è arrivata una nuova opera di Mirko Basaldella, ufficialmente presentata oggi al pubblico dal Sindaco di Udine Furio Honsell, dall’Assessore alla Cultura Federico Pirone e dal Presidente della Fondazione Friuli Lionello d’Agostini. Si tratta del disegno preparatorio per la cancellata maggiore del Mausoleo delle Fosse Ardeatine a Roma, che trova posto nella sala al primo piano di Casa Cavazzini dedicata ai tre fratelli Basaldella. 

La Fondazione Friuli, d’intesa con il Comune di Udine – Assessorato alla Cultura, grazie ad un contratto di comodato d’uso gratuito, ha restituito alla visibilità pubblica un’opera legata ad un momento particolarmente importante e significativo nella produzione dell’artista di origini friulane, ma noto a livello internazionale, di cui a Casa Cavazzini si conservano altre fondamentali testimonianze. "E' un deposito – commenta il Sindaco di Udine Furio Honsell - che arricchisce il nostro museo d'arte contemporanea con i materiali che hanno portato alla realizzazione di una delle opere più significative e anche simboliche dell'antifascismo e della barbarie del nazi-fascismo. Un'opera di Mirko Basaldella che ormai nei momenti in cui si riaffermano i valori antifascisti". "Ringraziamo la Fondazione Friuli per la fiducia accordata all'amministrazione comunale – chiosa l’assessore alla Cultura del Comune di Udine Federico Pirone -, nell'aver consentito che il disegno preparatorio di Mirko Basaldella per la cancellata del Mausoleo delle Fosse Ardeatine a Roma avesse una nuova collocazione a Casa Cavazzini e fosse ammirabile all'interno del percorso espositivo, insieme alla sua riproduzione. Siamo fortemente uniti nell'attenzione e nella sensibilità nei confronti dell'arte e degli artisti migliori di questo territorio, patrimoni di una comunità che si racconta al di fuori dei propri confini e che si fa conoscere con orgoglio". Come osserva il Presidente della Fondazione Crup D’Agostini: “È nostro dovere preservare, custodire e rendere fruibile al pubblico il patrimonio artistico che abbiamo acquisito dall’antico Monte di Pietà di Udine e dalla Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone (nonché grazie a donazioni di privati e acquisti diretti), che rappresenta un’eredità importante del popolo friulano. Abbiamo quindi deciso di concedere in comodato gratuito la Cancellata a Casa Cavazzini ritenendolo un luogo consono all’importanza e al significato che l’opera riveste anche oltre i nostri confini regionali”.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento