Carro funebre a tutta velocità e fari spenti in autostrada per non mancare al funerale

Singolare situazione per gli agenti della Polizia stradale di Palmanova. Il conducente del mezzo si è visto decurtare 11 punti dalla patente e sanzionare con 400 euro di multa

A tutta velocità - ben oltre i limiti consentiti - con il carro funebre in autostrada, a luci spente ed effettuando sorpassi pericolosi, con tanto di cassa all'interno. E' quanto si sono visti passare davanti al naso gli agenti della Polstrada di Palmanova la scorsa settimana, in direzione di Venezia. E' scattato così l'inseguimento con il blocco del mezzo, nell'area del cantiere per la terza corsia, tra Palmanova e Latisana.

Le ragioni

Il conducente, dopo essersi fermato e aver sostenuto di essere di fretta in quanto atteso per la celebrazione di un funerale, ha deciso arbitrariamente di proseguire la marcia, costringendo gli agenti a un nuovo inseguimento e a richiedere il supporto di un’altra pattuglia per poter fermare in sicurezza il veicolo.

Il nuovo blocco

Solamente alla vista di due pattuglie che lo tallonavano, il conducente ha scelto di accostare. A quel punto i poliziotti hanno potuto appurare che la cassa da morto era vuota, e che l'uomo era in possesso di un’autorizzazione al trasporto di una salma da Trieste a Milano.

Il viaggio prosegue

Il soggetto è stato successivamente autorizzato a ripartire, non prima però di essere stato sanzionato per tutte le violazioni al codice della strada commesse e per non aver immediatamente acconsentito all’ispezione del mezzo, rimediando in totale 400 euro di multa e vedendosi decurtare 11 punti dalla patente di guida. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Martignacco, sequestrati 100 chili di pesce al ristorante

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • Due fotografi friulani tra i migliori al mondo nell'immortalare i matrimoni

Torna su
UdineToday è in caricamento