menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa del pellet, prende gli ordini ma evade solo il primo per poi scappare con il denaro

L'uomo ha imbrogliato almeno una decina di persone per un guadagno illecito complessivo di centinaia di migliaia di euro

"Prova a prendermi" si chiama così l'indagine, appena conclusa, condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Cividale del Friuli che ha permesso di smascherare una serie di truffe messe in atto dall’estate 2018 fino a fine 2019.

L'indagine

L’attività ha preso avvio da alcune denunce per truffa, presentate dalle vittime, relative a mancate consegne di carichi di pellet già pagati. Gli accertamenti effettuati hanno condotto a identificare e rintracciare nel comportamento descritto uno schema più volte ripetuto e collaudato, di cui era protagonista Nicola Aiello
L'uomo avvicinava i possibili clienti proponendo acquisti di pellet a prezzi estremamente competitivi, effettuando a volte una prima consegna, per carpire completamente la fiducia del compratore, e successivamente sparire con le somme ricevute quale prezzo di carichi poi mai effettuati. L’indagine ha documentato pienamente almeno dieci episodi, a partire dall’inizio del 2018 fino a tutto il 2019, per un guadagno illecito complessivo di centinaia di migliaia di euro, anche se non determinabile con precisione.

Le false generalità

Essendo destinatario della pena accessoria dell’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale, a seguito di una sentenza in un altro procedimento penale, Aiello si presentava sovente con altre generalità, per eludere più agevolmente eventuali sospetti. 
Nel corso delle indagini è emerso anche che lo stesso percepiva illecitamente un’indennità di disoccupazione, nonostante esercitasse allo stesso tempo, sempre illecitamente, attività d’impresa; per quest’ultima ipotesi di reato è stato emesso a suo carico un decreto di sequestro preventivo, che ha consentito di recuperare circa 10.000 euro.

Le accuse

Le principali ipotesi di reato individuate dai carabinieri sotto la direzione del Pm Puppa, sono quelle di truffa, commesse in tutto il Nord-est, esercizio abusivo di attività commerciale e indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento