menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fotografia d'archivio

Fotografia d'archivio

Campeggia in città e si denuda davanti a una passante

Atti osceni in luogo pubblico. Paura per una donna in un parcheggio della zona vicina all'Ospedale Santa Maria la Misericordia

Mai e poi mai avrebbe pensato ad un epilogo del genere. Sabato scorso, come spesso le accade, un'udinese di circa 55 anni ha parcheggiato la sua automobile in un parcheggio posto non molto lontano dal nosocomio udinese per permettere al suo cane una veloce sgambettatura. Finita la passeggiata, al suo ritorno in macchina, mentre stava per aprire la portiera dell'auto per far salire il cucciolo sul sedile, la donna ha osservato una strana ombra vicino a lei. Alzando lo sguardo, per mettere a fuoco la scena, ha quindi incrociato gli occhi di un uomo che si trovava in piedi, a pochi metri di distanza, a lato del suo camper

Lo spogliarello integrale

Questione di attimi e l'individuo ha iniziato subito a spogliarsi, fino a denudarsi completamente: prima la maglietta, poi i pantalonci e infine - pare - anche le mutande. Una scena raccapricciante che sicuramente poteva essere evitata salendo semplicemente sull'autoveicolo. La donna, pietrificata, temendo delle avance è quindi risalita immediatamente sul suo mezzo partendo a razzo pur di allontanarsi il più possibile dal parcheggio e dal soggetto in questione. 

La segnalazione

Subito dopo lo spavento, la donna ha telefonato e riferito l'episodio agli operatori del 113, mentre oggi ha raccontato tutto al maggiore Alberto Granà, recandosi al Comando dei Carabinieri di viale Trieste. I militari dell'Arma stanno ora verificando l'identità del presunto esibizionista, un italiano di mezza età, e valutando il da farsi.

Atti osceni in luogo pubblico

"Ho fatto solo una segnalazione e non una denuncia perchè il reato sarebbe di competenza civile, non penale. Quindi mi toccherebbe prendere un avvocato e spendere soldi che non ho voglia di usare per queste cose - ci ha raccontato la malcapitata -. Purtroppo il reato è stato recentemente depenalizzato e conosco la lunghezza della Giustizia italiana. Penso e credo di aver comunque fatto il mio dovere affinché non accadano altri episodi simili a donne meno indifese di me, che comunque ero accompagnata dal mio cane".

Ricordiamo che le pene per Atti osceni in luogo pubblico prevedono sanzioni amministrative da 5.000 a 30.000 euro (si veda ad esempio il recente episodio della coppia trovata a Cervignano fare sesso in mezzo alla strada e multata con 20mila euro) ad eccezione di alcuni casi se commessi nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento