Cade e si frattura una caviglia, 23enne recuperata dal soccorso alpino

L'episodio ieri intorno alle 17 in comune di Grimacco, nelle Valli del Natisone. La giovane era scivolata in un tratto impervio riportando diverse fratture

Il salvataggio

La stazione di Udine del Soccorso Alpino e Speleologico, assieme ai soccorritori della Guardia di Finanza e ad un volontario della Protezione Civile ha tratto in salvo una ragazza che è caduta in un tratto boschivo impervio alle pendici di Topolò, in comune di Grimacco, nelle Valli del Natisone.

La chiamata

La chiamata è arrivata in stazione intorno alle 17 tramite la SORES attivata dal NUE112: la ragazza, D C. del 1995 di una frazione di San Pietro al Natisone, era scivolata cadendo per alcuni metri in prossimità di un rio sottostante il paese. Grazie alla collaborazione di un volontario della Protezione Civile del posto e ad una amica della ragazza, da quest'ultima contattata nel frattempo, che hanno fornito indicazioni ulteriori, i tecnici del Soccorso Alpino sono giunti in breve sul posto, a quindici minuti di cammino da Topolò.

I soccorsi

Dopo averla stabilizzata con il tecnico sanitario presente nel team di soccorso - in tutto dodici persone - e sistemata sulla barella, i soccorritori hanno trasportato la ragazza a braccia proseguendo in discesa nel bosco e raggiungendo una pista forestale, per poi consegnarla all'ambulanza. La ragazza ha riportato sospetta frattura ad una caviglia e contusioni al polso. L'intervento si è concluso intorno alle 20.45.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento