Bullismo: 13enne picchiata e filmata dal branco a Udine

Il fatto giovedì 4 maggio poco dopo le 13 in Via Divisione Julia. Vittima una ragazzina derisa e ferita da un gruppetto di coetanei, che l'hanno filmata durante le botte. Trauma cranico.

"Ti filmiamo per poterci rivedere la scena con calma". Sono state queste le parole di una trentina di adolescenti che hanno assistito e ripreso l'aggressione di una coetanea da parte di una bulla in una delle vie più centrali di Udine.

VIDEO: il racconto della 13enne vittima di bullismo

I FATTI Era giovedì quando Caterina (nome di fantasia), è uscita come ogni giorno dalla scuola Ellero di Udine per avviarsi verso il punto d'incontro con la madre. A pochi metri dall'uscita però ad aspettarla una coetanea che, dopo averla minacciata verbalmente, ha aggredito la giovane scaraventandola a terra con una sberla. Nel tentativo di rialzarsi la vittima è stata poi afferrata per i capelli, buttata nuovamente a terra dove si sono alternati pugni e spintoni. 

RIPRESA CON GLI SMARTPHONE Intorno a lei una trentina di compagni di scuola e amici dell'aggressore che durante le percosse hanno sfoderato lo smartphone e ripreso tutta la scena con lo scopo, come riferito alla vittima al momento dell'accaduto, "di poterselo rivedere in un secondo momento". Video che è diventato immediatamente virale tra gli studenti della scuola.

E stato solo grazie ad una distrazione dell'aggressore che Caterina è riuscita a rialzarsi e scappare all'interno della scuola dove ha chiesto immediatamente aiuto ad una bidella. 

PRONTO SOCCORSO. Trauma cranico, escoriazioni e trauma contusivo emimandibolare: è stata questa la dignosi per la giovane, recatasi in pronto soccorso poche ore dopo l'accaduto.

"Con quella ragazza non andavo d'accordo- riferisce Caterina- Due settimane fa mi aveva aspettata fuori da scuola facendomi recapitare un mesaggio di minacce. L'avevo ignorata per non darle importanza, ma giovedì non ho potuto evitarla. E' successo tutto in fretta e la paura mi ha paralizzata".

I COLPEVOLI Un bullismo che spaventa e paralizza quello tra i giovanissimi e che sembra aver trovato negli smartophone il proprio strumento di gloria. Non sarà solo la giovane bulla a rispondere delle proprie azioni, ma anche chi ha diffuso il video potrebbe dover rispondere di diffusione illecita di dati personali.

Nonostante la denuncia ai Carabinieri di Udine,ora la madre teme per l'incolumità della giovane già rientrata a scuola. L'appello della madre a non condividere il filmato e farlo immediatamente recapitare agli inquirenti. "Quello che mi spaventa di più- riferisce la mamma - è la totale indifferenza degli adulti che hanno assistito alla scena senza intervenire. Non mi sento tranqulla e temo possa ricapitare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento