menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Davide Collevati

Foto di Davide Collevati

Bloccato nella neve a 2mila metri e stremato dalla fatica: si salva grazie al telefonino

Brutta avventura a lieto fine per un 50enne di San Vito di Fagagna, in difficoltà nella zona di Sella Nevea

Uno scialpinista 50enne, di San Vito di Fagagna, è stato tratto in salvo dai tecnici del Soccorso Alpino di Cave del Predil e dai militari della GdF di Sella Nevea. L’uomo - stremato - si trovava a 2.000 metri, nella neve alta, e non riusciva a scendere a valle. 

A causa della stanchezza e del freddo non riusciva più a muovere gli arti inferiori. Ha lanciato l'allarme con il telefonino e per il recupero è stato attivato il velivolo dell'Elisoccorso regionale del 118, che lo ha raggiunto e portato in salvo. 

Quando è sbarcato dall'elicottero al campo base, lo sportivo era letteralmente sfinito, ma non ferito. Gli esperti hanno lanciato un appello in merito alla necessità di studiare al meglio i percorsi e le loro difficoltà prima di avventurarsi in montagna, soprattutto d'inverno e con la neve e il ghiaccio. Più volte hanno anche segnalato che l'uomo è riuscito ad allertare i soccorsi perché era in un'area coperta da segnale telefonico, situazione non così comune nella zona in oggetto.?  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento