Birra Castello e Asprom sempre più dal gusto friulano

70mila quintali di orzo distico friulano destinato alla produzione negli stabilimenti di San Giorgio di Nogaro e Pedavena

Birra Castello e Asprom, la rete che ha l'obiettivo di valorizzare i cereali da malto e i luppolo in Friuli Venezia Giulia, hanno siglato oggi, alla presenza del governatore Massimiliano Fedriga, dell'assessore regionale alle Risorse agricole, Stefano Zannier, e del consigliere regionale Mauro Bordin, un accordo per la produzione e la fornitura di una quantità fino a un massimo di 70mila quintali di orzo distico friulano destinato alla produzione della birra negli stabilimenti di San Giorgio di Nogaro (Udine) e Pedavena (Belluno).

"È un'opera imprenditoriale che garantisce un importante valore aggiunto in termini di economia di scala ma anche di bontà e salubrità", ha commentato Fedriga, evidenziando che il prodotto made in Italy è una garanzia di qualità molto apprezzata nel mondo. "Questo accordo - ha aggiunto il governatore - è fonte di impulso per il comparto agricolo regionale che, alla pari della società Castello, dimostra lungimiranza e visione d'insieme, caratteristiche fondamentali da possedere quando si vuole vincere le sfide del mercato".

"In questo modo - ha affermato Zannier - diamo prospettive diverse al comparto agricolo del nostro territorio, tanto che potremmo considerarlo un vero e proprio modello di ispirazione per molti altri progetti così sistemici capaci di esaltare le filiere collegate ad ogni livello, dalla coltivazione alla produzione e alla distribuzione. Così - ha concluso l'assessore - si fa il bene di tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il contratto sottoscritto dal presidente della Rete Asprom, Alido Gigante, e dal direttore generale di Birra Castello, Walter Lombardi, prevede che buona parte dei seminativi del Medio e Basso Friuli, ora utilizzati per produzioni zootecniche, vengano dedicati alla coltivazione dell'orzo distico da birra, coinvolgendo in questa operazione 135 aziende regionali e creando un connubio, come ha sottolineato Bordin, motivo di orgoglio in quanto fondato su filiera di produzione locale e birrificio italiano in un'ottica di identità di prodotto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • Dalla grappa al gelato: il re friulano dei distillati realizza il suo sogno da 5 milioni di euro

  • Selvaggia Lucarelli contro il meccanico anti migranti di Plaino

  • Si rompe un appiglio e cade per cento metri: muore sul Monte Sernio un escursionista

  • Chiuso un bar per aver violato le norme anti Covid, clienti arrabbiati coi carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento