menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Birra Castello e Asprom sempre più dal gusto friulano

70mila quintali di orzo distico friulano destinato alla produzione negli stabilimenti di San Giorgio di Nogaro e Pedavena

Birra Castello e Asprom, la rete che ha l'obiettivo di valorizzare i cereali da malto e i luppolo in Friuli Venezia Giulia, hanno siglato oggi, alla presenza del governatore Massimiliano Fedriga, dell'assessore regionale alle Risorse agricole, Stefano Zannier, e del consigliere regionale Mauro Bordin, un accordo per la produzione e la fornitura di una quantità fino a un massimo di 70mila quintali di orzo distico friulano destinato alla produzione della birra negli stabilimenti di San Giorgio di Nogaro (Udine) e Pedavena (Belluno).

"È un'opera imprenditoriale che garantisce un importante valore aggiunto in termini di economia di scala ma anche di bontà e salubrità", ha commentato Fedriga, evidenziando che il prodotto made in Italy è una garanzia di qualità molto apprezzata nel mondo. "Questo accordo - ha aggiunto il governatore - è fonte di impulso per il comparto agricolo regionale che, alla pari della società Castello, dimostra lungimiranza e visione d'insieme, caratteristiche fondamentali da possedere quando si vuole vincere le sfide del mercato".

"In questo modo - ha affermato Zannier - diamo prospettive diverse al comparto agricolo del nostro territorio, tanto che potremmo considerarlo un vero e proprio modello di ispirazione per molti altri progetti così sistemici capaci di esaltare le filiere collegate ad ogni livello, dalla coltivazione alla produzione e alla distribuzione. Così - ha concluso l'assessore - si fa il bene di tutti".

Il contratto sottoscritto dal presidente della Rete Asprom, Alido Gigante, e dal direttore generale di Birra Castello, Walter Lombardi, prevede che buona parte dei seminativi del Medio e Basso Friuli, ora utilizzati per produzioni zootecniche, vengano dedicati alla coltivazione dell'orzo distico da birra, coinvolgendo in questa operazione 135 aziende regionali e creando un connubio, come ha sottolineato Bordin, motivo di orgoglio in quanto fondato su filiera di produzione locale e birrificio italiano in un'ottica di identità di prodotto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chi può prenotare il vaccino? L'elenco completo delle categorie

Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento