rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Centro / Viale Trieste

«Furti in calo a Udine», ma nel 92% dei casi i ladri la fanno franca

Presentato il bilancio del Comando provinciale dei Carabinieri relativo all'attività svolta nel 2018. «Siamo in una situazione che non è così preoccupante come si potrebbe pensare. La situazione è migliorata rispetto allo scorso anno. Udine è una provincia dove si può vivere bene» dice il colonnello Alfredo Vacca

«I reati in provincia di Udine sono in calo, mentre i controlli sono stati aumentati. Siamo in una situazione che non è così preoccupante come si potrebbe pensare. La situazione è migliorata rispetto allo scorso anno. Udine è una provincia dove si può vivere bene». Lo dice il colonnello Alfredo Vacca, comandante provinciale dei carabinieri, intervenuto oggi per la presentazione del bilancio annuale dell’attività dell’Arma nel nostro territorio. Assieme a lui il capitano Romolo Mastrolia, comandante della Compagnia di Udine. «I reati diminuiscomo, mentre i controlli sono stati aumentati. La logica vuole che effettuare maggiori verifiche significhi avere più probabilità di scoprire attività illecite» precisa il graduato. 

Furti

La percezione è differente quindi da quanto si manifesta, almeno osservando i numeri che l’Arma ha raccolto. I furti sono stati 5.668, il 9 per cento in meno rispetto all’anno precedente. In 407 casi sono stati individuati gli autori. Significa che nel 92,81% dei casi chi delinque resta impunito. Le abitazioni sono state colpite 1357 volte, mentre per 817 volte è toccato alle auto in sosta essere colpite.

Il capitano Romolo Mastrolia

Romolo.Mastrolia-2

Omicidi

Tra i casi seguiti dai carabinieri c’è anche quello dell’omicidio di Beivars, dove ha perso la vita Rosetta Quaiattini. «Si sta lavorando duramente per venire a capo di questa indagine — confida Vacca —  e potrebbero arrivare dei risultati. Abbiamo a disposizione prove scarsissime, confuse da fuoco e acqua, ma ci auguriamo che una soluzione arrivi»Oltre al delitto di via Emilia ci sono stati anche due tentati omicidi e 16 omicidi colposi — di cui 10 da incidente stradale —.

Altri numeri

Per quanto riguarda gli altri delitti 220 sono stati i casi di lesioni dolose, 63 quelli di percosse, 248 le minacce, 19 le violenze sessuali, 3 gli atti sessuali con minori, 63 le ricettazioni e 46 le rapine (12 per cento in meno rispetto al 2017) di cui 21 scoperte, 28 le estorsioni, 3 i sequestri di persona — tutti scoperti —, 1372 le truffe e frodi informatiche — 238 scoperte —, 1013 i danneggimenti — 55 scoperti —, 127 i reati relativi a stupefacenti (114 i casi risolti, 82 gli arresti per spaccio e 13 quelli per produzione e traffico), 7 situazioni di sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile, 29 delitti informatici — 12 scoperti —. Gli arresti nel complesso sono stati 347, le denunce 2951. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Furti in calo a Udine», ma nel 92% dei casi i ladri la fanno franca

UdineToday è in caricamento