menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un biglietto unico per ammirare il Tiepolo

Da oggi a fine giugno un tagliando di 6 euro permetterà di visitare tutte le sedi dove sono conservate opere di Giambattista e Giandomenico Tiepolo

La giunta comunale, su proposta dell’assessore alla Cultura, Federico Pirone, ha approvato l'accordo che permetterà di istituire il cosidetto 'Percorso Tiepolo'. Si tratta di un biglietto cumulativo che prevede la possibilità di visitare, al costo unico di 6 euro, i due musei, Castello e Museo Diocesano, dove sono conservate le opere di Giambattista e Giandomenico Tiepolo.

A queste si aggiungo poi le opere di Tiepolo visitabili sia nel Duomo di Udine, sia nell’Oratorio della Purità.

“Si tratta di un passo preliminare, semplice nella sua elaborazione, ma significativo per la sua valenza – commenta Pironeaffinché tutta la città promuova l’obiettivo comune di sentirsi ed essere città del Tiepolo. Un modo per creare un percorso unitario che tocchi tutti i luoghi del Tiepolo presenti a Udine, articolando così una vera rete museale cittadina. Il nostro impegno per il futuro – conclude Pirone – è di rafforzare una strategia complessiva che, in maniera più permanente, coinvolga anche gli operatori economici e turistici di questa regione”.

Il biglietto del “Percorso Tiepolo” sarà acquistabile presso le biglietterie di Castello e del Museo Diocesano (Piazza Patriarcato 1) e consentirà, come detto, di ammirare tutte le opere di Tiepolo conservate in città.

I Civici Musei del Castello – Galleria d’Arte Antica e Pinacoteca custodiscono quattro capolavori tiepoleschi, due pale d’altare, San Francesco di Sales e L’angelo custode, databili rispettivamente 1730-35 e 1737, il dipinto che in origine decorava il soffitto di una delle sale di Palazzo Caiselli raffigurante La Virtù e la Nobiltà trionfano sull’Ignoranza (1740-1743) e il Consilium in Arena, dipinto eseguito per il conte Antonio di Montegnacco.

Per quanto riguarda il Museo Diocesano e Le Gallerie del Tiepolo, invece, il visitatore può restare incantato di fronte alle decorazioni a fresco di alcuni ambienti del palazzo. Il Patriarca di Aquileia, Dionisio Delfino (o Dolfin), nel 1726 commissionò infatti a Tiepolo la realizzazione della decorazione di alcune stanze. L’artista in tre anni porta a termine il lavoro, affrescando il soffitto dello Scalone d’Onore, la Galleria degli Ospiti e il soffitto della Sala del Tribunale. A queste due sedi museali, inoltre, il visitatore può proseguire con un itinerario tiepolesco verso il Duomo di Udine, che conserva una delle prime opere udinesi del giovane Giambattista Tiepolo e realizzata nel 1726 su incarico dalla Confraternita del Santissimo Sacramento. Senza fiato, infine, lascia anche L’Oratorio della Purità, dove nel 1759, su commissione sempre del Patriarca Dolfin, Giambattista Tiepolo e il figlio Giandomenico, affrescano il soffitto e dipingono la pala d’altare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento