Cronaca

Oltre 200 associazioni di cooperazione internazionale senza bando regionale, la protesta

Per il 2019 pare non verrà attivato il bando regolamentato dalla legge 19/2000 che disciplina i progetti di solidarietà e cooperazione internazionale in seno al Friuli Venezia Giulia

Cattive notizie per il mondo dell'associazionismo e della cooperazione internazionale in regione. Pare in fatti che quest'anno il bando per Cooperazione Internazionale 2019, non sarà aperto. In questi giorni il Consiglio Regionale è in seduta per varare la seconda legge omnibus dell'anno e i membri delle associazioni speravano nell'approvazione di un emendamento, che avrebbe dovuto essere già stato presentato nel corso della precedente legge omnibus, ma le cose non sono andate nel verso auspicato dai cooperanti. «Il Presidente Fedriga ha stoppato l’emendamento, che poi è stato ritirato, con la scusa che prima di aprire il Bando, vogliono rivedere il regolamento. Questo significa di fatto saltare l’annualità», ha dichiarato Umberto Marin, rappresentante delle associazioni nel Comitato Regionale Cooperazione.

Le pressioni ai politici

Per questo motivo, il comitato sta cercando di fare pressioni affinché il consiglio regionale cambi idea. In questi giorni è stata inviata anche una mail indirizzata al Presidente e alla Giunta Regionale, e ai membri della VI Commissione perché, continua Marin, «comunque vadano le cose, abbiamo la necessità di riorganizzare le nostre attività anche in funzione degli appuntamenti prossimi venturi. Se la Giunta regionale vuole mettere mani sul regolamento, sarà necessario aprire un confronto politico su tutta la Politica di cooperazione allo sviluppo e le attività di partenariato internazionale».

La lettera

"Gentile Consigliere

in qualità di rappresentante delle associazioni di cooperazione e solidarietà internazionale in seno al Comitato Regionale per la Cooperazione, Vi scriviamo per manifestare le perplessità e le preoccupazioni delle oltre 200 associazioni che in questi anni hanno sviluppato e realizzato progetti di Solidarietà Internazionale, unitamente ai molteplici soggetti promotori quali: Università e i loro Consorzi, le Organizzazioni imprenditoriali e sindacali, le Associazioni dei corregionali all’estero, gli Enti di formazione, gli Enti locali. Tutte queste realtà e istituzioni regionali hanno contribuito a far crescere la Cooperazione Internazionale del FVG valorizzando al meglio le risorse messe a disposizione dai bandi previsti dalla Legge Regionale 19/2000. Stiamo seguendo il dibattito che si è aperto sulla questione del Bando 2019 per la cooperazione Internazionale, messo in discussione in attesa di un nuovo non meglio esplicitato Regolamento. Scelta politica legittima, anche se sarebbe utile un approfondimento che coinvolga non solo il Comitato Regionale per la Cooperazione, ma più in generale il mondo Non-Profit, e tutti gli altri soggetti coinvolti nella cooperazione internazionale.
Le stesse associazioni regionali avevano, anche nella passata legislatura, posto il problema di un intervento "manutentivo" della legge 19 del 2000 e del regolamento. A questo proposito avevamo richiesto e sollecitato, ancora nel mese di dicembre 2018 e gennaio 2019, un incontro con il Presidente, rimasto lettera morta.
Facciamo dunque un appello al Presidente Fedriga, alla Giunta e a tutti i Consiglieri Regionali di garantire comunque lo svolgimento del Bando per la Cooperazione allo sviluppo e di aprire, poi, un confronto per l'adeguamento del regolamento ma anche e soprattutto una discussione per il nuovo programma regionale per la cooperazione allo sviluppo e le attività di partenariato internazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 200 associazioni di cooperazione internazionale senza bando regionale, la protesta

UdineToday è in caricamento