Compositori all'opera: si cerca l'inno per la Patria del Friuli

Un imni pe Patrie dal Friûl. Bando di concorso con un premio di 3 mila euro, indetto dall’Istitût Ladin Furlan "Pre Checo Placeran". Consegna di testi e musiche entro il 20 gennaio 2017

Per la Patria del Friuli sono state scritte tante belle e appassionate canzoni e villotte, ma non esiste un vero e proprio inno a essa dedicato. A questa mancanza cerca di sopperire il bando di concorso per la composizione dell’inno della Patria del Friuli indetto dall’Istitût Ladin Furlan "Pre Checo Placeran". L'inno, con testo in lingua friulana, dovrà richiamare i caratteri principali e particolari del Friuli, in riferimento alla storia, alle tradizioni, all'identità sociale e linguistica di tutta la comunità.

Il concorso è aperto a compositori di qualsiasi cittadinanza, età, sesso e residenza; ogni candidato dovrà presentare in forma anonima una sola composizione originale, mai pubblicata, eseguita o premiata. All'autore dell'opera individuata da una Giuria specializzata, sarà assegnato un premio di 3mila euro. La proclamazione del vincitore avverrà il 3 aprile 2018. Il materiale dovrà pervenire, tramite raccomandata A/R entro il 20 gennaio 2018, al seguente indirizzo: Istitût Ladin Furlan "Pre Checo Placerean", Concors pal Imni de Patrie dal Friûl, CP 3, 33039 Sedegliano (Udine).

Il testo del bando di concorso e il modulo di iscrizione si possono leggere e scaricare su: https://www.arlef.it/it/progetti/festa-della-patria-del-friuli/bando-per-la-composizione-dellinno-della-patria-del-friuli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

Torna su
UdineToday è in caricamento