P.A., dall'Ateneo di Udine nasce una banca dati nazionale per le professioniste

“ProRete PA” è il nuovo strumento di promozione della partecipazione femminile ai processi decisionali e nasce dalla collaborazione dell'Università friulana con il Dipartimento pari opportunità della Presidenza del Consilgio

Nasce dalla collaborazione tra Università di Udine e dipartimento Pari opportunità della Presidenza del consiglio dei ministri la banca dati nazionale “ProRete PA”-Professioniste in rete per le pubbliche amministrazioni” (www.prorete-pa.pariopportunita.gov.it), il nuovo strumento di promozione della partecipazione femminile ai processi decisionali. Obiettivo di “ProRete PA” è favorire l’incontro tra domanda e offerta di professionalità femminili da inserire ai vertici delle società controllate da pubbliche amministrazioni ed enti pubblici e far emergere nuovi modelli di governance basati sulla parità e sul merito. Grazie alla nuova banca dati ogni professionista potrà inserire il proprio curriculum mettendo le competenze acquisite a disposizione della Pubblica amministrazione e, da parte loro, le pubbliche amministrazioni avranno un bacino di professionalità cui attingere.

La banca dati è stata realizzata in attuazione della legge Golfo-Mosca (L. 120/2011) grazie a un finanziamento europeo di 180 mila euro nell’ambito del Progetto operativo di assistenza tecnica (Poat) sostenuto dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). ProRete PA, ora estesa a livello nazionale, ha visto inizialmente coinvolte le Regioni dell’Obiettivo convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Per realizzare “ProRete PA” l’Ateneo friulano ha messo a disposizione un gruppo di lavoro, guidato dalla direttrice del dipartimento di Scienze giuridiche, Marina Brollo, dotato di competenze, professionalità ed esperienze specifiche maturate anche con la “Banca dati dei talenti femminili” creata nel 2013.

«Con la costruzione della banca dati – sottolinea Brollo –, la nostra università intende fornire un prezioso contributo per l'innovazione delle pubbliche amministrazioni, in sintonia con le parole chiave della recente riforma Madia».

“ProRete PA” verrà presentata a Roma, venerdì 25 settembre, alle 9.30, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri (ingresso Santa Maria in via 37). All'incontro, moderato dalla giornalista del Sole 24 Ore Monica D'Ascenzo, parteciperanno Ermenegilda Siniscalchi, capo del Dipartimento per le Pari opportunità; Maria Ludovica Agrò, direttore generale Agenzia per la coesione territoriale; Pia Marconi, capo del Dipartimento di Funzione pubblica; Monica Parrella, coordinatrice dell'Ufficio per gli interventi in materia di Parità e Pari opportunità - Dipartimento Pari opportunità; Marina Brollo, direttrice del Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Università di Udine. Concluderà i lavori Giovanna Martelli, consigliera del presidente del Consiglio dei ministri in materia di Pari opportunità.

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Ecco chi sono i rapinatori: quattro uomini con base a Passons

  • Morto un turista in spiaggia a Lignano Sabbiadoro

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

  • Aperto il primo take away di frico al mondo, il Frico Gourmet in piazzale Cella

Torna su
UdineToday è in caricamento