Impara a cucire e regala mascherine ai bambini di Gemona: la solidarietà di Caterina

A dieci anni ha chiesto aiuto alla mamma e alla nonna per imparare a cucire con una vecchia macchina per fabbricare mascherine di stoffa da donare ai più piccoli della frazione di Godo

Caterina ha solo dieci anni, ma certamente non le manca la solidarietà e la voglia di aiutare il prossimo. Grazie a una vecchia macchina da cucire e all'aiuto della mamma e della nonna, confeziona nel giardino di casa propria delle mascherine formato baby per tutti i bambini della sua borgata di Godo.

L'idea

Come ci fa sapere la stessa Caterina, l'idea nasce dal fatto che ha visto delle signore cucire delle mascherine per le altre persone, "e sono molto belle, ma per i bambini sono troppo grandi e quelle in vendita sono noiose". Grazie alla vecchia macchina da cucire della mamma, quindi, decide di fabbricare da sola delle mascherine di stoffa "tutte colorate e allegre".

Il materiale

Ma tutta la stoffa, da dove arriva? "Un po' da delle vecchie federe che avevamo in casa, un po' dai miei amici o dagli altri bambini che mi regalano dei pezzi di stoffa in cambio". Una volta confezionate, infatti, Caterina mette le mascherine in bella mostra su un banchettino fuori casa con il cartello 'Mascherine per bambini', in modo che tutti i bimbi della borgata possano prendere la propria.

Solidarietà

Certo, "quando la macchina si inceppa è più difficile lavorare, ma mi rende molto felice vedere i miei amici che portano le mascherine che ho confezionato", dice ridendo la bambina. "Sono tanti i bambini che sono venuti a prendere le mascherine e continuerò a confezionarle per tutta l'estate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Orgoglio

"Caterina mi ha detto che voleva fabbricare delle mascherine per i bambini, quindi ho deciso di rispolverare la vecchia macchina da cucire che mi regalò mio nonno", dice orgogliosa la mamma che fa sapere: "ora tutti vogliono venire a vedere il suo banchetto". Le sue mascherine "non sono perfette, anche se è migliorata molto. Più che altro ci rende orgogliosi il suo gesto di innocente generosità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, una 28 enne finisce in terapia intensiva

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Non ce l'ha fatta il giovane Cristian, morto a soli 23 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento