«L’Azienda sanitaria non ha ancora un protocollo di gestione migranti. La Giunta regionale manifesti contro di sé»

La consigliera comunale dem Eleonora Meloni punta il dito contro la Giunta regionale a trazione leghista rispetto alla gestione sanitaria: «qualcuno potrà pensare che il ritardo non è solo colpevole ma anche voluto»

Continuano le polemiche politiche sulla gestione dell'emergenza sanitaria rispetto agli arrivi dalla Rotta balcanica. A scagliarsi contro le amministrazioni regionale e comunale è, questa volta, la consigliera dem Eleonora Meloni.

«Lo temevamo e il Direttore Generale dell’Asu-Fc Braganti lo ha confermato. Ad oggi l’Azienda sanitaria non ha ancora un protocollo di gestione migranti. La Giunta regionale vada a manifestare sotto il suo palazzo contro se stessa, visto che nell'emergenza Covid non ha dato nessuna disposizione e ha abbandonato Udine e i territori al pericolo di contagio. E si portino dietro Fontanini».

Le accuse

Non usa mezzi termini la consigliera comunale, attribuendo la responsabilità delle criticità alla gestione centrale, regionale e del Comune di Udine. «È una situazione veramente grave e segnale del fallimento delle politiche leghiste in regione e in città. Giunta Fedriga e Fontanini devono agire subito, altrimenti qualcuno potrà pensare che il ritardo non è solo colpevole ma anche voluto. A parte sventolare bandiere della Lega e invocare l’esercito, Fontanini non ha in alcun modo preteso per tempo alcun protocollo sanitario e continua a tacere. Forse dimentica di essere primo responsabile della salute dei cittadini, ma non speri di cavarsela con un paio di urletti davanti alla Cavarzerani».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occasione persa

Per la Meloni era un'occasione importante, quella della Commissione Politiche Sociali, per stabilire il da farsi. «La Commissione Politiche Sociali era stata convocata per approfondire il tema sanità in città e occasione migliore non poteva esserci per avere risposte chiare e certe sulla situazione all’interno della Cavarzerani è più in generale relativamente ai migranti rintracciati per strada. Purtroppo il presidente Valentini non ci ha concesso di approfondire fino in fondo il tema, suggerendo indirettamente al DG di non rispondere. Ciononostante il direttore Braganti ha comunque abbozzato una risposta, da cui comprendiamo che si sta lavorando a un protocollo con la Prefettura, ma di fatto ancora non esiste o comunque non attuato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento