menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le ricerche

Le ricerche

Avvistato il 75enne scomparso a Tarcento dopo un giro "a castagne", potrebbe essere ferito

A raccontare l'episodio chiave delle ricerche un testimone che avrebbe visto l'uomo parlare con un ciclista, ben lontano dai luoghi delle ricerche. L'uomo sarebbe apparso sporco e leggermente sanguinante

Proseguono anche stamani le ricerche di I.R. l'escursionista 75enne di Milano del quale si sono perse le tracce ieri pomeriggio. 

Le ricerche sono proseguite tutta la notte e sono riprese anche stamani all'alba con ulteriori rinforzi e l'arrivo delle Unità Cinofile del Soccorso Alpino e Speleologico e dell'elicottero della Protezione Civile. Un trentina i tecnici del Soccorso Alpino impegnati assieme ai Vigili del Fuoco, alla Guardia di Finanza ai volontari della Protezione Civile.

L'uomo era andato a castagne con un compagno più o meno coetaneo nella zona di Zomeais di Tarcento:  i due si sono persi più volte di vista e ritrovati ma all'arrivo del buio, non vedendolo rientrare alla sua auto, il compagno ha dato l'allarme. 

L'avvistamento

Le speranze di ritrovare in buone condizioni l'anziano sono state alimentate da nuovi elementi giunti alla base delle operazioni ieri sera a Tarcento. Un uomo del posto avrebbe avvistato  l'escursionista mentre parlava con un ciclista.

L'avvistamento è avvenuto sul versante opposto della zona individuata per le ricerche, ovvero da quello orientale, verso il Torrente Torre e la cascata di Crosis, mentre lui era partito ad Ovest, dalla strada che sale a Stella.

Il testimone

Il testimone, che aveva letto il comunicato della scomparsa pubblicato sulla pagina di FB del CNSAS, ha riferito di aver notato una scena ad una certa distanza: quella di un uomo anziano con un maglione rosso con evidenti segni di scivolata e leggermente sanguinante che parlava con un ciclista di passaggio.

Poco lontano da quel punto, ad un centinaio di metri è stato infatti ritrovata dai soccorritori una camicia, anch'essa leggermente insanguinata, che la moglie dell'uomo, originaria del posto, ha confermato appartenere al marito. E' stata fatta una ricerca con l'aiuto del 118 in tutti i Pronto Soccorso della zona immaginando che l'uomo potesse essersi poi recato a farsi medicare, senza risultato. Potrebbe essere che l'uomo si trovi in stato confusionale e abbia perso l'orientamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento