Autovie investe un milione e mezzo di euro all'anno per la segnaletica orizzontale

Il ripasso della segnaletica si svolge soprattutto in primavera e i lavori vengono pianificati in modo da concludersi prima dell'estate

Foto Petrussi

Un milione e mezzo di euro. È questa la cifra che ogni anno Autovie Venete spende per ripassare le strisce e le scritte sull'autostrada in modo da garantire a tutti gli utenti ottima visibilità notturna, dimensioni che permettano la leggibilità a velocità elevata e resistenza allo slittamento.

Massima visibilità

L'obiettivo principale, quindi, è quello della massima visibilità (o retroriflessione), soprattutto durante le ore notturne, in caso di pioggia o nebbia. Ma anche durata nel tempo (da uno a quattro anni) e resistenza allo slittamento dell'auto. Il livello di tutti questi elementi viene poi costantemente monitorato, perché sono fondamentali per garantire sicurezza e per prevenire incidenti stradali.

Parametri

Queste caratteristiche sono codificate nella norma europea Uni En 1436, che stabilisce in 100 millicandele - una millicandela è l’unità di luminosità di un segnale come viene percepito dagli automobilisti con i fari accesi - il valore minimo di visibilità che la segnaletica deve avere. Negli ultimi anni, Autovie Venete ha deciso di alzare il valore minimo da 100 a 150 millicandele fino a un massimo di 300 millicandele, per avere un maggior grado di qualità della segnaletica. Una scelta dettata dal costante aumento del traffico su tutta la rete e dalle particolari condizioni atmosferiche dell’area, con pioggia e nebbia frequenti.

I lavori

Il ripasso della segnaletica orizzontale si svolge soprattutto in primavera, quando l’innalzamento delle temperature e il clima secco consentono ai materiali di asciugarsi più rapidamente e di mantenere le caratteristiche tecniche più a lungo. I lavori vengono pianificati in modo da poter essere conclusi prima dell’esodo estivo. Se necessario, ritocchi alla vernice possono essere effettuati anche in autunno, ma non oltre il 15 novembre, sempre per motivi climatici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli

I controlli di Autovie sono costanti e servono per verificare che il valore minimo di retroriflessione non scenda sotto le 100 millicandele. Per effettuarli la concessionaria utilizza un macchinario portatile (il retroriflettometro) che viene appoggiato sulla striscia e, grazie a una proiettore integrato e a un software apposito, rileva in maniera puntuale la visibilità notturna della segnaletica. Inoltre, il laboratorio di Autovie Venete è dotato di uno strumento (Ecodyn 30) installato su un furgone per il “rilievo dinamico” della retroriflettenza. Il furgone, viaggiando a una velocità di circa 80 km/h, rileva la rifrangenza della linea di margine lungo tutta la dorsale autostradale ogni 50 metri, in modo da avere valori più dettagliati e completi sullo stato dell'intera segnaletica orizzontale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento